Green Pass, Confindustria lo propone obbligatorio per andare al lavoro. Landini (Cgil) ironizza: “Spero sia il caldo”

Stampa

Se Confindustria propone di vietare l’ingresso in azienda ai non vaccinati e di sospenderli dallo stipendio, il leader della Cgil, Maurizio Landini, ironizza così: “Spero che sia il caldo”.

E, intervistato da “La Stampa”, aggiunge: “In questo anno di pandemia i lavoratori sono sempre andati in fabbrica in sicurezza. Rispettando i protocolli e le norme di distanziamento. Non sono le aziende che devono stabilire chi entra e chi esce”.

Ma la proposta di Confindusria è che sia il governo a stabilire l’obbligo, Landini argomenta che “certamente una scelta di questo tipo la può compiere solo il governo. I lavoratori sono stati i primi, durante la pandemia, a chiedere sicurezza arrivando addirittura allo sciopero per ottenerla. Io mi sono vaccinato e sono perché tutti si vaccinino”.

“Ma qui, diciamolo, – aggiunge Landini – siamo di fronte a una forzatura. Non va mai dimenticato che i lavoratori sono cittadini e hanno i diritti e i doveri di tutti i cittadini. Confindustria, piuttosto, si preoccupi di far rispettare gli accordi contro i licenziamenti”.

Stampa

Eurosofia: TFA SOSTEGNO VI CICLO, cosa studiare? Oggi alle 16.00 ne parliamo con gli esperti