Grazie ai politici che hanno permesso l’immissione in ruolo da GaE di docenti che non avevano mai insegnato. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Rosaria Parrilla – La mia lettera di oggi per esprimere i miei ringraziamenti a tutti i politici e non, che hanno permesso l’immissione in ruolo di persone che erano nelle GaE e non avevano mai messo piede in una scuola e si ritrovano nelle classi senza nessuna formazione.

Grazie perché, malgrado io abbia superato il concorso per il TFA, mi sono abilitata, ho una formazione sia sui BES che sui DSA, ho conseguito varie qualifiche, due master, uno dei quali un didattica con le nuove tecnologie conseguiti al Politecnico di Milano, ho una certificazione di lingua, ho superato il concorso docenti 2016, anche se da idonea, ho frequentato anche a mie spese molti corsi di aggiornamento, mi ritrovo ad aspettare qualche supplenza di giorni e magari poche ore e tra poco dovrò essere selezionata per la terza volta dopo il superamento del Concorso per il TFA e il superamento del concorso docenti 2016, per il concorso previsto per le Graduatorie di Merito Regionali.

Ma perché non sottoponiamo a prove di concorso quelli che sono da anni di ruolo nella scuola o sopratutto quanti, non tutti, sono stati graziati perché erano iscritti o si sono reiscritti nelle graduatorie ad esaurimento? Molti di loro hanno già un lavoro: sono avvocati, commercialisti, farmacisti, imprenditori e casalinghe, ai quali oggi affidiamo la preparazione dei nostri studenti senza che loro stessi abbiano idea di cosa voglia dire formare e permettendo loro di continuare anche la libera professione. Controllare per credere. Complimenti.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione