Granato (M5S): stipendi docenti rasentano soglia di povertà, ma no aumenti decisi dai dirigenti

Stampa

“Il maggior impegno deve poter essere valutato dal dirigente anche al fine dell’attribuzione di sostanziosi incrementi retributivi legati al merito”, così si è espresso nei giorni scorsi Antonello Giannelli, presidente dell’Anp, parlando della carriera dei docenti. Oggi arriva la replica della senatrice M5S Bianca Laura Granato.

Giannelli oggi già chiede poteri smisurati per far passare dai DS avanzamenti di carriera e stipendiali per i collaboratori“, così la senatrice su Facebook commenta la proposta del presidente Anp.

In realtà i soldi per il lavoro dei collaboratori ci sarebbero già, solo che li intascano le persone sbagliate e non c’è bisogno che Giannelli guardi molto più in là delle sue tasche per trovarli.. quelli delle reggenze mi sembrano un giusto ed equo compenso, per esempio.

Piuttosto la prossima battaglia – aggiunge – non più differibile dovrá riguardare lo stipendio dei docenti, che ormai rasenta la soglia di povertà se non la oltrepassa. Di TUTTI i docenti!

Esiste l’art. 36 della Costituzione che prevede che ogni lavoratore abbia diritto ad una retribuzione tale da consentirgli un’esistenza libera e dignitosa“, conclude.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur