Granato (M5S) risponde a Casellati: scuole e studenti di serie B sono frutto di riforme passate sotto il suo naso

Stampa

“Dalle paritarie ai superpoteri dei dirigenti scolastici (a responsabilità limitate, però), Forza Italia attacca Lucia Azzolina. A ergersi a difensori della scuola sono oggi quelli che ne hanno ieri decretato il progressivo indebolimento”. La senatrice 5S Bianca Laura Granato risponde a Maria Elisabetta Alberti Casellati, presidente Senato.

Se l’autonomia scolastica non piace più o sarà dimostrato che non funziona – scrive Granato su Facebook -, lavoreremo volentieri per cancellarla in compagnia dei tanti partiti che adesso si divertono a rinfacciarne le conseguenze ad Azzolina“.

Regole certe ed uguali per tutti ci potrebbero essere qualora non fosse in vigore da almeno 20 anni l’autonomia scolastica e la proprietà degli immobili destinati ad uso scolastico fosse dello Stato e non degli enti locali.

“La presidente del Senato Casellati dimentica che le scuole e gli studenti di serie A e di serie B sono il prodotto di anni di riforme passate sotto il suo naso, nelle quali il suo partito ha avuto tanta parte”, continua la capogruppo in commissione Cultura, replicando alla presidente del Senato.

“Oggi i dirigenti scolastici – aggiunge Granato – che hanno ottenuto da 20 anni un ruolo dirigenziale anche in soddisfazione di rivendicazioni di categoria, hanno responsabilità correlate al proprio ruolo che li rendono protagonisti del rientro a settembre, che ovviamente dovrà avvenire in presenza, su questo siamo tutti d’accordo.

Da parte nostra c’è piena disponibilità a rivedere le norme in materia di autonomia scolastica, qualora le preoccupazioni della seconda carica dello Stato fossero confermate da mancanze più o meno gravi nell’organizzazione del rientro. In questo auspichiamo di avere il sostegno delle forze politiche di maggioranza e opposizione”, conclude la senatrice dei Cinque Stelle“, conclude.

Stampa

Eurosofia: Analisi Comportamentale Applicata (ABA) tra i banchi di scuola. Non perderti questa grande opportunità formativa