Granato (M5S): “Oggi inizia la fine del M5S. Rispetto Azzolina ma abbiamo un’idea di scuola diversa” [INTERVISTA]

Stampa

C’è aria di terremoto in casa Movimento Cinque Stelle: il sì della piattaforma Rousseau al Governo Draghi apre la crisi, forse definitiva, del Movimento fondato da Beppe Grillo.

Fra i contrari alla decisione di entrare nel nuovo esecutivo c’è la senatrice Bianca Laura Granato, che si sente delusa dopo l’esito del voto.

Orizzonte Scuola  ha raccolto i suoi primi commenti.

Oggi inizia la fine del Movimento Cinque Stelle. Non è possibile entrare nel Governo insieme a personaggi tanto distanti da noi e fare parte di un governo di tecnici. Quello che è accaduto oggi è solo l’iceberg di una situazione che da tempo va avanti. I vertici, Crimi, Di Maio, Grillo, mi hanno delusa. E non sono la sola. Dovrebbero fare una riflessione ma non credo che avverrà“, ha detto Granato ad Orizzonte Scuola.

Nuovo Governo, il M5S dice sì (59,3%) alla partecipazione nell’esecutivo Draghi

Cosa farà nei prossimi giorni? Di Battista ha fatto un passo indietro..

Sto valutando cosa fare. Sicuro non darò la fiducia al Governo Draghi, questo è chiaro. L’unica cosa che posso pensare di fare è quella di votare i singoli provvedimenti e decidere se dire sì o no. Il Paese non può restare senza opposizione.

Lucia Azzolina ha votato sì. Cosa ne pensa?

Rispetto il voto e l’idea di Lucia Azzolina ma non lo condivido per niente. Anche se l’ho difesa tante volte, abbiamo da sempe un’idea di scuola piuttosto diversa. Sicuro ci unisce da sempre l’amore per la scuola e tante volte ci ha anche portate vicine, ma non condividiamo gli stessi pensieri. Anche oggi, a maggior ragione. Non la condanno per nulla però. Ma la sua posizione non potrà mai essere la mia.

Nuovo governo, Di Battista lascia il M5S dopo il sì grillino a Draghi. Granato: “Rifletto se restare”. Azzolina: “Restiamo uniti”

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur