Granato (M5S): in settimana atto di sindacato ispettivo per riapertura di tutte le scuole. Campania con istituti chiusi passa a zona rossa

Stampa

“La scuola c’è nel dibattito pubblico, ma non c’è nella cultura politica e civica di questo Paese. Picconata su tutti i fronti e con varie modalità, a partire dalla denigrazione costante della figura del docente, la scuola pubblica è trasfigurata nell’immaginario collettivo ormai”.

Lo scrive su Facebook la senatrice del Movimento 5 Stelle Bianca Laura Granato.

“La scuola viene chiusa impunemente grazie a quelle istituzioni (Regioni, Comuni, Ministero della Salute e dei Trasporti) che avrebbero dovuto garantirne il funzionamento in presenza, che hanno completamente ignorato il Piano Scuola, nella rassegnazione delle famiglie, nella noncuranza di una società ormai orientata solo dalle scelte del mercato.
Chiudere le scuole era la cosa più sbagliata e inutile da fare ma sfortunatamente anche la più facile.
Lo dimostra il fatto che a oltre un mese dalla chiusura di tutte le scuole da parte del governatore De Luca, la Campania da zona gialla viene dichiarata zona rossa”, evidenzia la senatrice.

“Chiudere le attività produttive avrebbe comportato la necessità di prevedere dei ristori, gli anni di formazione seria persi non sono ristorabili.
Un’intera generazione rischia un futuro negato che nessuno risarcirà e a nessuno sembra importare.
Il silenzio in cui tutto ciò sta avvenendo è spettrale e getta una luce sinistra sulla mancanza di cultura costituzionale, sulla mancanza totale di visione di tutti gli attori di questo tragico spettacolo.
La scuola a settembre ha riaperto nel deserto istituzionale, in cui la cultura produttivistica ormai dominante l’ha relegata.
La riapertura della didattica in presenza annunciata da Repubblica, senza l’avallo del Ministero, per dopo le feste natalizie come cosa normale ne è un tragico esempio.
Rispetto a questo clima di assuefazione alla costruita “causa forza maggiore” frutto in realtà di improvvide scelte, è necessario che vi sia uno scatto di reni!”.

Granato spiega quindi che ha intenzione “di depositare in settimana un atto di sindacato ispettivo che chieda espressamente quali misure si intendano concertare per la riapertura di tutte scuole di ogni ordine e grado, perché il problema non è il Ministero dell’Istruzione bensì il deserto istituzionale nazionale e territoriale in cui è stato costretto ad operare.
Ho altresì presentato un emendamento al Decreto Legge Ristori per l’istituzione di un fondo per contrastare il #gap formativo attraverso interventi di didattica in presenza destinati agli studenti di ogni ordine e grado di scuola”.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia