Granato (M5S): eliminare classi pollaio, ma ora priorità ad aumento stipendio docenti

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Bianca Laura Granato, senatrice M5S, in occasione del convegno “La scuola che vogliamo. Idee e proposte per una Scuola Democratica”, ai nostri microfoni, ha parlato delle classi pollaio, dell’aumento stipendi docenti e della chiamata diretta.

Il numero di alunni per classe dovrebbe essere 22 al massimo, 20 se c’è un alunno disabile. Questa dovrebbe essere una misura per la qualità dell’insegnamento e dell’apprendimento, per garantire pari opportunità a tutti gli studenti. Ogni studente ha i propri tempi di apprendimento: in un contesto di 27/28 alunni in classe si deve procedere per tappe forzate, con le poche ore che ogni disciplina ha a disposizione grazie alla riforma Gelmini” spiega Bianca Laura Granato.

Sulla proposta di legge per eliminare le classi pollaio la senatrice afferma: “Ci stiamo lavorando, ma si devono innanzitutto trovare le risorse. Ora ci sono altre emergenze, prioritarie, come lo stipendio dei docenti che ormai è un’emergenza sociale. Si sta lavorando per mettere in atto l’aumento degli stipendi in finanziaria, dobbiamo trovare le risorse. E’ una questione di funzionamento del sistema scolastico perché i docenti che si trovano fuori sede non riescono a far fronte alle spese“.

Granato torna poi sul tema dell’abolizione della chiamata diretta degli insegnanti:L’apporto maggiore e più importante è quello dell’eliminazione degli ambiti territoriali e quindi della titolarità su ambito. Sulla chiamata diretta siamo in attesa del passaggio alla Camera, ciò dovrebbe avvenire a breve“.

Il video servizio a cura di Elisabetta Tonni

Versione stampabile
anief banner
soloformazione