Granato (M5S): compiti in classe computerizzati e monitorati dal Ministero per superare Invalsi

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Si tratta della proposta avanzata da Bianca Laura Granato del Movimento 5 Stelle per superare lo strumento Invalsi come unico mezzo per monitorare “lo stato di salute delle scuole italiane”.

Prove Invalsi rubano tempo alla formazione

Secondo l’Onorevole Granato, le prove Invalsi “la metodologia sottesa ai test invalsi non è di per sè conforme alle competenze che si maturano via via, ma necessita di apposita preparazione, che sottrae ancora agli studenti ulteriore tempo ed occasioni formative di diverso spessore e incisività. Teach to the test? Cui prodest? ”

Cambiare metodo per valutare la “salute della scuola”

Non è certo quello dell’Invalsi – afferma la Granato – l’unico metodo che ci potrà consentire di valutare lo stato di salute delle nostre scuole: si potrà valutare lo stesso senza dispendio di tempo e di energie nonché di risorse economiche“.

In che modo? “Basta semplicemente utilizzare per più prove programmate curricolari all’anno una piattaforma ministeriale operando da un laboratorio informatico, perché a livello centrale risultino continuamente monitorati gli apprendimenti, l’importante è che sia il docente a stabilire cosa somministrare e quando (chiamasi libertà d’insegnamento, art. 33 della Costituzione).

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione