In Gran Bretagna i test cognitivi sui bambini saranno anticipati a 4 anni

di Giulia Boffa
ipsef

GB – In Gran Bretagna si è deciso che dal 2016 la somministrazione di test per misurare il livello di sviluppo cognitivo dei bambini sarà  anticipata dagli attuali sette ai quattro anni di età.

I risultati saranno poi confrontati, tramite prove nazionali, con quelli ottenuti a 11 anni, al termine della scuola di base.

GB – In Gran Bretagna si è deciso che dal 2016 la somministrazione di test per misurare il livello di sviluppo cognitivo dei bambini sarà  anticipata dagli attuali sette ai quattro anni di età.

I risultati saranno poi confrontati, tramite prove nazionali, con quelli ottenuti a 11 anni, al termine della scuola di base.

Ciò servirà a  valutare obiettivamente i progressi conseguiti, in modo che i genitori siano informati sulla situazione scolastica dei figli e gli insegnanti siano messi in grado di conoscere, confrontare e analizzare gli obiettivi raggiunti.

Le critiche ovviamente non mancano : i più piccoli, appena giunti a scuola rischiano di essere sottoposti a tensioni e stress in una fase iniziale dell’esperienza scolastica, che dovrebbe invece essere più serena possibile.

Inoltre, il livello evolutivo dei bambini è estremamente fluttuante, in poche settimane si potrebbero avere progressi improvvisi non prevedibili nè catalogabili.

I docenti potranno scegliere tra diverse batterie di test a seconda dei metodi didattici adottati o anche di non aderire al programma, ma questo potrà nuocere pesantemente alla loro carriera e sottrarre finanziamenti alla scuola.

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare