Gramellini: “Non abituiamoci alla solitudine della DaD”

Stampa

Massimo Gramellini parla del momento che sta attraversando la scuola e della didattica a distanza, un modo di fare lezione a cui non bisogna abituarsi.

Il giornalista e scrittore Massimo Gramellini parla di scuola e didattica a distanza nel corso a Zai.net, la rivista edita da Mandragola Editrice e realizzata dagli studenti delle scuole superiori di tutta Italia.

In merito alla chiusura delle scuole e dell’individualismo, Gramellini dice: “Un bambino o un ragazzo in solitudine non può crescere alla stessa maniera di un coetaneo che ha la fortuna di avere scambi con altri. Naturalmente ora è un momento speciale, siamo tutti chiamati a dei sacrifici, e gli studenti e i loro insegnanti hanno dato una prova straordinaria di serietà, impegno, responsabilità. Dobbiamo però evitare un pericolo: abituarci a pensare che tutto ciò sia normale. Dobbiamo continuare a vivere la solitudine come un’eccezione , necessaria in certi casi, ma limitata nel tempo“.

Il giornalista mostra il suo rammarico in merito al fatto che, dopo i mesi di preparativi per riportare gli studenti a scuola, si è dovuti tornare alle scuole superiori nuovamente a fare lezione da casa: “La decisione di chiudere le scuole fa parte soltanto di un’emergenza sanitaria a cui siamo costretti a rispondere. Però abbiamo avuto mesi per prepararci, sapevamo perfettamente che ci sarebbe stata una seconda ondata. Dovevano esserci piani B, oltre alla chiusura”.

E ancora: “Il fatto che si sia chiesto a tanti istituti di mettersi in sicurezza, e che dopo soli due mesi siano stati chiusi, è la prova che le misure richieste non bastavano perché non sono state accompagnate da altre (penso al potenziamento dei trasporti pubblici) che uno Stato ben organizzato avrebbe saputo approntare per tempo“.

 

Stampa

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese