Graduatorie terza fascia ATA: valutazione servizio Poste Italiane

di redazione

item-thumbnail

I servizi prestati presso Poste e Telecomunicazioni, sono considerati come servizi prestati presso le Amministrazioni Statali se prestati fino al 31.12.1993. Dopo questa data non sono valutabili.

Un nostro lettore chiede

Buon sera ho prestato servizio in Poste Italiane e la scuola dove ho presentato la domanda mi ha attribuito un punteggio.

Sulla base proprio di tale punteggio sono stato convocato per una nomina annuale presso un’altra scuola.

Questa scuola dopo alcune settimane di servizio mi ha destituito dall’incarico provvedendo a  rettificare il  punteggio che mi aveva attribuito la scuola dove ho presentato la domanda.

La motivazione è che la scuola si era sbagliata ad attribuirmi il punteggio perché le poste italiane per loro erano amministrazione pubblica solo fino al 1993,

Invece poste divenne S.P.A. soltanto nel 1998

Volevo chiedere,il punteggio mi spetta per aver prestato servizio presso Poste italiane dal 93 al 98?Grazie e cordiali saluti

di Giovanni Calandrino – I servizi prestati presso Poste e Telecomunicazioni, sono considerati come servizi prestati presso le Amministrazioni Statali se prestati fino al 31.12.1993. Dopo questa data non sono valutabili.

Dunque è corretta la rettifica punteggio ai sensi dell’art.7 del D.M. 640/2017.

A tali servizi infatti va attribuito per ogni anno scolastico un punteggio di 0,60, mentre per ogni mese o frazione superiore ai 15 giorni 0,05 PUNTI, per tutti i profili professionali.

  • Qualsiasi tipo di servizio prestato nelle scuole comunali a partire dal 01/01/2000 è valutato punti di 0,60 per ogni anno, mentre per ogni mese o frazione superiore ai 15 giorni punti 0,05, per tutti i profili professionali.
Invia il tuo quesito a [email protected]

Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.
Per le istituzioni scolastiche. Consulenza specifica e risposta garantita. Gratuitamente [email protected]

Versione stampabile
Argomenti:
ads ads