Graduatorie supplenze, tour de force per la validazione entro il 28 agosto. Proroga già chiesta a livello centrale

Stampa

Elaborazione delle istanze presenti nelle GPS e nelle graduatorie di istituto, criteri di invalidità delle domande e iter di avvio alla pubblicazione delle graduatorie. 

Mentre in questi giorni si avviano le immissioni in ruolo per i tanti docenti che sono in posizione utile per giungere finalmente all’ambito ruolo, dall’altra parte ci sono gli oltre 750 mila docenti che hanno prodotto istanza di inserimento nelle GPS e nelle graduatorie di istituto e che ambiscono ad un incarico annuale.

Gli Uffici scolastici insieme alle scuole polo ( come prevede l’art. 8, comma 5 dell’OM 60/2020 nel quale si evidenzia appunto che gli uffici scolastici provinciali possano procedere alla valutazione delle istanze degli aspiranti all’inserimento nelle GPS di competenza, anche attraverso la delega a scuole polo su specifiche classi di concorso, al fine di evitare difformità nelle valutazioni) probabilmente fino a fine agosto, saranno impegnati a valutare le domande pervenute per l’aggiornamento /inserimento delle GPS e delle graduatorie d’istituto, che ricordiamo saranno valide per il biennio 2020/21 e 2021/22.

Come si procede all’elaborazione delle GPS

Nella fase di valutazione delle domande presentate si andranno a verificare le dichiarazioni rese dagli interessati ai sensi del DPR 445/2000 e successivi.

Quali sono i motivi per considerare non valida una domanda

L’O.M. 60 all’ art. 7 (Istanza di partecipazione) dà delle precise indicazioni a riguardo:
• Gli aspiranti presentano istanza di inserimento, a pena di esclusione, in un’unica provincia, per una o più delle GPS per le quali abbiano i requisiti previsti.
• Gli aspiranti presentano istanza di inserimento unicamente in modalità telematica, ai sensi del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, attraverso specifica procedura informatica. Le istanze presentate con modalità diverse non sono prese in considerazione.
• Non si tiene conto delle istanze che non contengano tutte le indicazioni circa il possesso dei requisiti richiesti e tutte le dichiarazioni previste dalla presente ordinanza.

Solo graduatorie definitive

L’uscita delle graduatorie provinciali e di istituto sarà definitiva e non provvisoria come avveniva nel passato. Questa condizione sarà possibile in quanto sappiamo che il sistema informatico legato alla domanda ha dato all’aspirante docente la possibilità di verificare in qualsiasi momento, dalla propria utenza online, l’inserimento e la valutazione corretta in relazione ai servizi e ai titoli effettivamente in possesso e dichiarati.

Il docente potrà comunque procedere ad un ricorso dinanzi all’autorità giudiziaria competente, nel caso dovesse presentarsi con un punteggio o una posizione errata nelle GPS e nelle graduatorie d’istituto.

Quando è prevista la pubblicazione delle graduatorie

1° settembre 2020

Entro quando avverranno le convocazioni da GaE e GPS

Secondo il cronoprogamma del Ministero entro il 14 settembre 2020, ma è già stata chiesta una proroga.

E quelle da graduatorie di istituto?

Dal 15 settembre 2020

Come avverranno le convocazioni

Come stabilito dall’O.M.60, le convocazioni da GPS non avverranno tramite mail, come si svolgeva fino all’a.s. 2019/20, ma sul sito web di ciascun ambito territoriale provinciale dove sarà pubblicato il calendario delle convocazioni che avrà effetto di notifica.
Diversamente per le convocazioni da graduatorie di istituto, le istituzioni scolastiche interpelleranno gli aspiranti e ne riscontreranno la disponibilità o meno ad accettare la proposta di assunzione mediante la procedura informatica di convocazione presente nel sistema gestionale.

Graduatorie provinciali e di istituto per le supplenze: modalità pubblicazione, convocazioni e tempistica [Lo speciale]

Stampa

Personale all’estero: certificazione Inglese B2 e corso on-line Intercultura con CFIScuola!