Graduatorie, Russo (Pd) “Gelmini pretenda discrezione dai suoi consiglieri”

Di Lalla
Stampa

Ufficio Stampa Pd – “Sembra non si siano ancora dissipati i fumi dei bagordi pasquali fra certi consiglieri, consigliori e mentori del ministro dell’Istruzione”. Lo dice, l’on. Tonino Russo (Pd), componente della commissione cultura della Camera, commentando la proposta lanciata, attraverso Il Sussidiario.net, da Max Bruschi, consigliere del ministro Gelmini.

Ufficio Stampa Pd – “Sembra non si siano ancora dissipati i fumi dei bagordi pasquali fra certi consiglieri, consigliori e mentori del ministro dell’Istruzione”. Lo dice, l’on. Tonino Russo (Pd), componente della commissione cultura della Camera, commentando la proposta lanciata, attraverso Il Sussidiario.net, da Max Bruschi, consigliere del ministro Gelmini.

“L’unica cosa da sparigliare – prosegue il deputato Pd – è questa coazione a ripetere di certi funzionari del MIUR che continuano a voler aggirare la sentenza della Corte costituzionale, ad infischiarsene del richiamo del Presidente della Repubblica e dello stesso contenuto della legge salva precari, nella parte che prevede, per il 2011-2013, l’aggiornamento delle graduatorie con l’inserimento a pettine”.

“Della vicenda si deve occupare il Parlamento. Il ministro Gelmini – sottolinea Russo (Pd) – faccia tacere questi funzionari, pretenda di avere pareri e consigli con maggiore discrezione e qualche pudore, piuttosto che esternazioni di scarso valore”.

“Nelle opposizioni – conclude – troverà disponibilità e senso di responsabilità per risolvere i tanti danni procurati dalle improvvide scelte di questi anni”.

Precari e graduatorie: e se sparigliassimo con un bel concorso?

Stampa

Preparazione concorsi e TFA Sostegno con CFIScuola!