Graduatorie provinciali supplenze, indicazioni alle scuole polo: come si valutano i titoli. Possibili le “note” [LE IMMAGINI]

Stampa

Graduatorie provinciali e di istituto per le supplenze biennio 2020/21: la schermata utilizzata dagli uffici Scolastici e dalle scuole polo per la valutazione delle domande è diversa rispetto a quella in cui gli aspiranti hanno presentato la domanda. 

Scrive l’ufficio Scolastico di Rieti

“Al fine di evitare la ripetizione di tutti i titoli, l’istanza aggregava gli altri titoli valutabili in base alla
tabella di valutazione a cui le graduatorie richieste si riferiscono

Le funzionalità di valutazione del SIDI, invece, sono replicate per ciascuna graduatoria, in ragione del fatto che la valutazione della domanda di
un aspirante deve essere gestita per specifica graduatoria.

Occorre pertanto verificare che siano correttamente valutati sulla specifica graduatoria tutti e solo i titoli previsti dalla specifica tabella
tenendo conto dei seguenti due aspetti:

a. alcuni titoli sono valutabili solo se specifici per la graduatoria di interesse e quindi solo sulla specifica graduatoria devono essere valutati

b. alcuni titoli non sono spendibili se già spesi per l’accesso e quindi il relativo punteggio deve essere eventualmente decurtato. Alcuni aspiranti, per eccesso di prudenza potrebbero non aver inserito un altro titolo valutabile speso per l’accesso ad altra graduatoria; questi casi andranno
recuperati basandosi sui titoli di accesso dichiarati nella domanda”

In sintesi

  • il titolo valido solo per la specifica graduatoria non può essere valutato nelle altre (es. Laurea in Lingue per la primaria o Diploma di istituto tecnico superiore per ITP)
  • se il titolo è già stato dichiarato come titolo per l’accesso non potrà essere valutato come “altro titolo”
  • se il titolo è stato dichiarato come titolo di accesso in una graduatoria ma in un’altra è valutabile come “altro titolo”, può essere dichiarato. Ad es. la specializzazione sostegno.

Per un controllo più accurato gli Uffici, Cliccando su « Scarica il pdf della domanda » attivano il download del documento inoltrato dal candidato.

Come specificato da più Uffici Scolastici, è solo questo documento a fare fede. Non è possibile prendere in considerazione eventuali integrazioni, richieste di modifica e correzioni (solo ed esclusivamente per errori materiali che non modificano la sostanza della domanda il nostro consiglio è quello di inviare comunque la segnalazione)

Nella valutazione dei titoli, sia di servizio che culturali gli Uffici hanno a disposizione il campo “Note”, in cui potrebbero segnalare al Dirigente Scolastico che un determinato titolo andrebbe controllato con più dovizia, controllo che in questo fase non è possibile operare per la ristrettezza dei tempi in cui ci si trova ad operare.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur