Graduatorie provinciali per le supplenze, Anief: Bisogna tutelare i precari storici

Anief – Il presidente nazionale dell’Anief, Marcello Pacifico, ha rilasciato un’intervista a Teleborsa: è intervenuto per parlare delle Gps e ha affermato che “le nuove graduatorie provinciali sono una delusione e bisognava assumere i precari storici. I concorsi si devono fare, è giusto che ci sia una selezione. Però non ci si può dimenticare del personale che ha lavorato a tempo determinato, svolgendo un servizio per i cittadini. Come non si possono imporre delle nuove graduatorie sulla base di tabelle di valutazione completamente diverse da quelle che valevano da 13 anni”

Il presidente nazionale dell’Anief, Marcello Pacifico, ha rilasciato un’intervista a Teleborsa: ha affermato che di tratta della “settimana decisiva per inserirsi nelle graduatorie delle supplenze delle attività didattica, sia annuali che a termine, ribattezzate Gps. Sono più di un milione gli insegnanti che devono presentare la domanda entro il prossimo 6 agosto per inserirsi in prima e in seconda fascia, tuttavia, secondo l’Ufficio legale di Anief, ci sono diverse categorie di esclusi che difficilmente riusciranno ad avere una supplenza”. Anief consiglia dunque di presentare la domanda e contestualmente di ricorrere. In particolare, per quanto riguarda la prima fascia, ci riferiamo ai laureati con 36 mesi di servizio dal momento che una sentenza del Consigli di Stato ritiene la loro qualifica equiparabile all’abilitazione. La stessa cosa vale per gli Itp, gli insegnanti tecnico-pratici. Ricordiamo, infatti, che esiste una norma transitoria che non è stata rispettata dall’ordinanza e quindi, secondo Anief, hanno anche loro titolo per essere inseriti in prima fascia così come coloro che hanno il diploma di conservatorio o accademia delle Belle arti. Tra gli esclusi vi è poi il personale educativo anche se per contratto è equiparato al personale della scuola per l’infanzia e primaria”.

Per quanto a seconda fascia Pacifico sottolinea “l’importanza di inserirsi per tutti i laureati senza 24 Cfu visto che la norma transitoria permetteva loro fino al 2022 di inserirsi nelle graduatorie e tale esclusione è del tutto ingiustificata”.

Per saperne di più sui ricorsi presentati da Anief, clicca sui seguenti link:

 

Graduatorie provinciali per le supplenze: Anief avvia i ricorsi per gli esclusi

 

Graduatorie provinciali per le supplenze: Anief avvia i ricorsi contro le tabelle di valutazione dei titoli

 

Graduatorie provinciali per le supplenze: Anief ricorre per inserire in I fascia gli Itp senza 24 Cfu esclusi