Graduatorie provinciali, l’affondo di Sgambato (PD): “Azzolina valuti proroga dei termini”

Anche il Partito Democratico chiede alla ministra dell’Istruzione una proroga dei termini per le graduatorie provinciali per le supplenze.

“I problemi che in questi giorni ci vengono segnalati circa gli accessi per le istanze per le graduatorie provinciali credo impongano uno sforzo aggiuntivo che consenta di superare nel breve tempo possibile le difficoltà riscontrate, valutando eventualmente una forma di proroga, almeno di qualche giorno, nella scadenza dei termini. Ci confronteremo comunque con la Ministra per trovare le soluzioni più idonee per garantire a tutti di poter inserire la domanda e nel contempo di non ritardare assolutamente l’apertura delle scuole. Per il futuro, come diciamo da tempo, come abbiamo scritto nel programma a suo tempo e nel decreto scuola il mese scorso, e come ha ribadito stamane la viceministra Ascani, è necessario far partire il tavolo con gli esperti del mondo della scuola e i sindacati, che trovi le migliori soluzioni circa il percorso da intraprendere per diventare insegnanti. Deve essere un percorso lineare che selezioni i migliori docenti da portare in cattedra. Non può cambiare ad ogni cambio di governo: chi vuole diventare insegnante deve sapere fin dai banchi dell’università come dovrà farlo. E i concorsi dovranno avere una cadenza regolare annuale o al massimo biennale, come si fa nelle altre amministrazioni. Ci vorranno anni per risolvere il problema del precariato, ma questa è l’unica strada per cominciare”.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia