Graduatorie provinciali, NUOVA BOZZA: ecco le novità. Titoli di accesso e valutazione servizio [Report]

Migliorato in alcuni punti il testo iniziale della bozza dell’ordinanza, dopo il confronto con i sindacati nei giorni 30 giugno e 1° luglio 2020.

Come già specificato, la bozza dell’ordinanza,  potrà ancora subìre modifiche anche notevoli. Il testo infatti già in parte modificato, come si evince dai report di FLCGIl, UIL e Gilda, dovrà essere inviato al CSPI per il prescritto parere e solo successivamente potrà essere pubblicato in forma definitiva.

Attribuzione delle supplenze ai docenti di ruolo: risolta l’empasse che stravolgeva il normale criterio di attribuzione delle supplenze, con il riferimento completo alla legge 107/2015.

Solo 15 giorni per la presentazione della domanda

I sindacati lamentano che il lasso di tempo individuato nella bozza per la presentazione della domanda, 15 giorni, sia troppo ristretto in considerazione dell’importanza della procedura che interesserà anche aspiranti che si avvicinano per la prima volta al mondo dell’insegnamento.

La procedura sarà informatica e comporterà per tutti gli aspiranti la produzione, ex novo, dei titoli (anche di quelli già dichiarati nel precedente aggiornamento 2017/20).

Le tabelle di valutazione dei titoli sono state infatti modificate e i titoli saranno rivalutati per tutti gli aspiranti.

Come si valuteranno i servizi

Come già anticipato nel pomeriggio, è stata positivamente risolta la mancata valutazione dello stesso servizio tra una fascia e l’altra, una volta come specifico e una volta come non specifico.

Pertanto un anno di servizio svolto per A12 in prima fascia potrà essere valutato come non specifico per A13 in seconda fascia.

Anche il servizio svolto nella scuola di infanzia e primaria potrà essere valutato come non specifico per la secondaria.

La valutazione del servizio non specifico interesserà anche il servizio su posto di sostegno.

E’ stata introdotta la valutazione come servizio aspecifico  del servizio di insegnamento della religione cattolica e di alternativa alla religione cattolica.

Docenti immessi in ruolo con riserva

I docenti immessi in ruolo con riserva (il riferimento principale è ai diplomati magistrale) possono iscriversi nelle Graduatorie provinciali per le supplenze.

L’inserimento diventerà effettivo qualora il contenzioso dovesse risolversi a favore dell’Amministrazione.

Le parti eliminate dalla bozza iniziale

E’ stato eliminato

  •  il riferimento alla “compatibilità d’orario” come vincolo al fine di un eventuale completamente d’orario (art. 12 comma 10)
  • la priorità per i docenti già inseriti in una GAE per eventuali supplenze in II o in III fascia rispetto a chi non è inserito nelle GAE, anche se con minore punteggio (art. 11 comma 4)

Modificato il

  • punteggio del titolo di sostegno (varrà 9 punti e non 6)
  • punteggio per Italiano come L2 (verrà valutato 3 punti, non 1.5)

Due fasce per le graduatorie provinciali

Le graduatorie provinciali saranno costituite da due fasce

Titoli di accesso 

infanzia e primaria 

In prima fascia i docenti in possesso di abilitazione specifica

In seconda fascia gli studenti del terzo, quarto e quinto anno del corso di laurea in Scienze della formazione primaria, con 150 200 o 250 CFU al momento della presentazione della domanda.

Secondaria I e II grado

Possono iscriversi

a) in prima fascia  i docenti in possesso di relativa abilitazione

b) in seconda fascia

  • laurea  + 24 CFU in discipline psicopedagogiche e metodologie didattiche
  • abilitazione per altra classe di concorso o altro grado (titolo previsto dal dm 59/2017).
  • precedente inserimento nella terza fascia di istituto per il triennio 2017/20 per la specifica classe di concorso (quindi senza i 24 CFU)

ITP 

  • precedente inserimento nelle graduatorie di istituto valide per il triennio 2017/20 per la specifica classe di concorso
  • diploma + 24 CFU in discipline psicopedagogiche e metodologie didattiche di cui al dm 616/2017
  • abilitazione per altra classe di concorso o altro grado di istruzione (titolo previsto dal dm 59/2017)

Sostegno 

Possono iscriversi

a) in prima fascia i docenti in possesso del titolo di specializzazione per il grado richiesto

b) in seconda fascia i docenti privi del relativo titolo di specializzazione ma che abbiano tre anni di servizio entro l’anno scolastico 2019/20 su posto di sostegno del relativo grado e che siano in possesso di abilitazione o titolo di studio previsto per l’accesso alle graduatorie provinciali.

Le graduatorie di istituto

Saranno composte da tre fasce e serviranno per la attribuzione delle supplenze temporanee (max ultimo giorno di lezione).  In caso di esaurimento o incapienza delle GPS potranno essere utilizzate anche per supplenze al 31 agosto e 30 giugno.

  1. la prima fascia corrisponde all’attuale prima fascia di istituto (docenti abilitati inseriti in GaE)
  2.  la seconda fascia è costituita dagli aspiranti presenti in GPS di prima fascia che scelgono, nella stessa provincia, fino a venti istituzioni scolastiche (abilitati non inseriti in GaE)
  3. la terza fascia è costituita dagli aspiranti presenti in GPS di seconda fascia che scelgono, nella stessa provincia, fino a venti scuole (non abilitati)

N.B. Si tratta ancora di indicazioni non definitive, che potrebbero subìre delle modifiche.

Didattica a distanza, 9 corsi con iscrizione e fruizione contenuti gratuite