Graduatorie Permanenti ATA 24 mesi: chi aggiorna deve ridichiarare i titoli di preferenza

Stampa

Procedura di aggiornamento e inserimento nelle graduatorie permanenti del personale A.T.A. Importanti chiarimenti su chi si appresta ad aggiornare il punteggio.

Le domande per l’aggiornamento del punteggio e per l’inclusione nella graduatoria permanente provinciale potranno essere presentate unicamente, a pena di esclusione, in modalità telematica attraverso il servizio “Istanze on Line (POLIS)”, raggiungibile direttamente dall’home page del sito internet del Ministero (www.miur.gov.it), sezione “Servizi” o, in alternativa, tramite il seguente percorso “Argomenti e Servizi > Servizi online > lettera I > Istanze on line” dalle ore 8,00 del giorno 23 aprile 2021 fino alle ore 23,59 del giorno 14 maggio 2021.

I candidati, per poter accedere al servizio “Istanze on line (POLIS)”, devono essere in possesso di un’utenza valida per l’accesso ai servizi presenti nell’area riservata del Ministero dell’istruzione con l’abilitazione specifica al servizio “Istanze on Line (POLIS)”, o, in alternativa, delle credenziali SPID.

Si evidenzia che le credenziali dell’area riservata del portale Ministeriale potranno essere utilizzate per la presentazione della domanda purché siano state rilasciate entro il 28 febbraio 2021.

All’occorrenza tutte le informazioni necessarie ai fini della registrazione al sistema POLIS sono rinvenibili al seguente indirizzo https://www.istruzione.it/polis/Istanzeonline.htm, in cui è possibile trovare anche un manuale dedicato alla richiesta di abilitazione con SPID.

I candidati interessati al solo aggiornamento della graduatoria permanente dovranno chiedere la valutazione dei soli titoli di cultura e di servizio NON dichiarati nella precedente tornata concorsuale, relativamente ai servizi svolti si precisa che essi devono essere dichiarati specificando il profilo, la durata e la tipologia del servizio. Deve essere, altresì, dichiarato se essi abbiano dato luogo a trattamento di pensione, nonché le eventuali assenze prive di retribuzione.

Le dichiarazioni concernenti i titoli di riserva, i titoli di preferenza limitatamente alle lettere M, N, O, R e S, riportate nel bando e nel Modello di domanda, nonché le dichiarazioni concernenti l’attribuzione della priorità nella scelta della sede, di cui agli artt. 21 e 33, commi 5, 6 e 7 della Legge 104/92, devono essere necessariamente riformulate dai candidati che presentino domanda di aggiornamento della graduatoria permanente, in quanto trattasi di situazioni soggette a scadenza che, se non riconfermate, si intendono non più possedute.

PREFERENZE – DESCRIZIONE

 Gli insigniti di medaglia al valor militare;

 i mutilati ed invalidi di guerra ex combattenti;

 i mutilati ed invalidi per fatto di guerra;

 i mutilati ed invalidi per servizio nel settore pubblico e privato;

 gli orfani di guerra;

 gli orfani dei caduti per fatto di guerra;

 gli orfani dei caduti per servizio nel settore pubblico e privato;

 i feriti in combattimento;

 gli insigniti di croce di guerra o di altra attestazione speciale di merito di guerra, nonché i capi di famiglia numerosa;

 i figli dei mutilati e degli invalidi di guerra ex combattenti;

 i figli dei mutilati e degli invalidi per fatto di guerra;

 i figli dei mutilati e degli invalidi per servizio nel settore pubblico e privato;

 i genitori vedovi non risposati, i coniugi non risposati e le sorelle ed i fratelli vedovi o non sposati dei caduti in guerra;

 i genitori vedovi non risposati, i coniugi non risposati e le sorelle ed i fratelli vedovi o non sposati dei caduti per fatto di guerra;

 i genitori vedovi non risposati, i coniugi non risposati e le sorelle ed i fratelli vedovi o non sposati dei caduti per servizio nel settore pubblico e privato;

 coloro che abbiano prestato servizio militare come combattenti;

 coloro che abbiano prestato lodevole servizio a qualunque titolo, per non meno di un anno nell’amministrazione che ha indetto il concorso;

 i coniugati e i non coniugati con riguardo al numero dei figli a carico;

 gli invalidi ed i mutilati civili;

 militari volontari delle Forze Armate congedati senza demerito al termine della ferma o rafferma.

A parità di merito e di titoli, la preferenza è determinata:

  1. a) dal numero dei figli a carico, indipendentemente dal fatto che il candidato sia coniugato o meno;
  2. b) dall’aver prestato lodevole servizio nelle amministrazioni pubbliche;
  3. c) dalla minore età.

Graduatorie ATA 24 mesi, domande dal 23 aprile al 14 maggio. VIDEO GUIDA E INFO UTILI

Stampa
Pubblicato in ATA

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur