Graduatorie di istituto: valide le domande spedite con raccomandata entro il 23 giugno

Di Lalla
WhatsApp
Telegram

red – Alcune istituzioni scolastiche chiedono se sia corretto accettare le domande per l’inserimento nelle graduatorie di istituto di II e/o III fascia spedite con raccomandata entro il 23 giugno, e di conseguenza consegnate alle segreterie nei giorni sucessivi.

red – Alcune istituzioni scolastiche chiedono se sia corretto accettare le domande per l’inserimento nelle graduatorie di istituto di II e/o III fascia spedite con raccomandata entro il 23 giugno, e di conseguenza consegnate alle segreterie nei giorni sucessivi.

La risposta al quesito a nostro parere è affermativa. Il dm n. 353 del 22 maggio 2014 afferma infatti all’art. 7 comma 1 "Le domande di inclusione nelle graduatorie di circolo e di istituto […] devono essere presentate, utilizzando gli appositi modelli A/1, A/2, A/2bis allegati al presente decreto, entro il termine del 23 giugno 2014, fermo restando che tutti i titoli valutabili devono essere posseduti entro la medesima data".

Sulla valutabilità dei titoli entro la data del 23 giugno è poi intervenuto il dm 6 giugno 2014, che per alcune categorie di abilitandi ha prorogato al 31 luglio 2014 la data ultima entro cui conseguire il titolo (ferma restando la presentazione della domanda entro il 23 giugno).

Segui su Facebook le notizie del mondo della scuola

Facciamo attenzione al verbo utilizzato: la domanda deve essere presentata entro il 23 giugno, e le modalità di presentazione sono 3: consegna a mano, raccomandata A/R, PEC.

E’ chiaro che consegna a mano e PEC presuppongono un feeedback immediato (ricevuta di ritorno), mentre la raccomandata impiega un tempo nettamante superiore per giungere a destinazione, ma nel decreto non vi è distinzione nè di orari, nè di modalità.

Seppure il decreto non presenti la formula tradizionale "fa fede il timbro postale", questo può essere dedotto dal fatto che vi è data la possibilità di "presentare" la domanda entro la data del 23 giugno, con la modalità preferita tra quelle indicate (per cui se il servizio postale chiudeva ad es. alle 18.00 entro quell’orario la domanda doveva essere presentata).




Seppure in assenza di riscontri da parte del Ministero, non ci sembrano esserci ostacoli all’accoglimento delle domande che, presentate entro il 23 giugno, vengano recapitate alle segreterie scolastiche nei giorni successivi, a seconda i tempi di smistamento delle Poste.

Ricordiamo ai docenti che sul sito delle Poste è predisposta una piattaforma per seguire l’iter della raccomandata e il suo invio a destinazione.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur