Graduatorie di istituto: ritardi segreterie. Giannini: situazione simile agli anni precedenti

Di Lalla
WhatsApp
Telegram

Le graduatorie di istituto di seconda e terza fascia rischiano di diventare un incubo per gli insegnanti che devono fare i conti con ritardi e a volte anche inefficienze delle segreterie scolastiche.

Le graduatorie di istituto di seconda e terza fascia rischiano di diventare un incubo per gli insegnanti che devono fare i conti con ritardi e a volte anche inefficienze delle segreterie scolastiche.

In alcune province infatti, di fronte ai continui ritardi delle segreterie, è stata attivata la pubblicazione massiva delle graduatorie, per cui alcuni insegnanti che avevano regolarmente prodotto domanda di inserimento/conferma entro il 23 giugno e il modello B entro il 6 agosto 2014, non si trovano in elenco. Naturalmente la prima cosa da fare è produrre il reclamo scritto, ma è anche consigliabile contattare la segreteria della scuola capofila per capire come verrà risolto il problema. In ogni caso ci si deve assicurare che la modifica venga prontamente e correttamente trasmessa anche alle altre scuole scelte dall’aspirante.

Segui su Facebook le news della scuola e partecipa alle conversazioni. Siamo in 136mila

Non sono poche le e mail ricevute in redazione che descrivono più o meno questa situazione

"La graduatoria è stata pubblicata sul sito soltanto l’11 settembre e io e altri docenti non risultiamo inclusi, sebbene su Istanze on line la domanda, completa di modello B, risulti correttamente acquisita. Ovviamente di conseguenza non siamo inclusi neanche nelle graduatorie delle altre 19 scuole indicate nel modello B.

In segreteria mi hanno spiegato che la mia domanda è stata inserita successivamente alla data prevista dall’USP per la pubblicazione e per tale motivo non appaio nella graduatoria, ma non sono stati in grado di dirmi se e come questa situazione verrà sanata, scaricando tutta la responsabilità sull’USP. Chiesti chiarimenti all’USP, mi è stato risposto in malo modo che non è un problema loro, la responsabilità è del Dirigente scolastico, quindi "se la prenda con lui".

Purtroppo questo rischia di creare ulteriori rallentamenti in una situazione di cui non avremmo voluto parlare, date le continue rassicurazioni del Ministero sulle graduatorie pronte in tempo per l’inizio delle lezioni. E invece si è creata una confusione incredibile, con paradossi Supplenze da Graduatorie di istituto: alcune scuole nominano dalle provvisorie

In linea generale, nella maggior parte dei casi, si sta procedendo con contratti fino all’avente diritto Graduatorie di istituto e supplenze: nomine "fino ad avente diritto". Le regole

Per completezza di informazione riportiamo le parole del Ministro Giannini a Repubblica

"Ministro, l’anno scolastico inizia e mancano gli insegnanti, i supplenti. Avete messo nero su bianco 150 mila precari assunti il primo settembre 2015, ma questa stagione parte molto male.
"Non ci risultano criticità più drammatiche degli altri anni, ma la mancanza di certezza dei docenti è il male dei mali. Fino a quando non ci sarà certezza di uomini e competenze, qualsiasi piano sarà vanificato".

Che dire, l’importante è che non vada peggio?

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra educazione motoria scuola primaria, corso di preparazione: con simulatore Edises e sconto libri 25%. Prezzo lancio 100 euro ancora per poco