Argomenti ATA

Tutti gli argomenti

Graduatorie III fascia ATA: la convalida del punteggio con riferimento al titolo più favorevole

Stampa

Il punteggio inserito nella terza fascia delle graduatorie di istituto del personale ATA deve essere sottoposto alla verifica della segreteria. 

Scuola – Salve buongiorno volevo porvi il seguente quesito:
un aspirante incluso in 3 fascia ata triennio 2018/2021 (assistente amministrativo convocato per una supplenza) inserito dal 2005 nelle graduatorie di terza confermando sempre lo stesso punteggio e facendo la seguente valutazione:

Diploma di maturità 45/60 = 7,5 punti

Licenza media distinto = 8 punti

Si è presa in considerazione la seguente valutazione

licenza media che è maggiore del diploma cioè 8+2 secondo titolo = 10 punti

Leggendo il bando si evince quanto segue:
Art. 2
Requisiti specifici di accesso alle graduatorie di circolo e d’istituto di
terza fascia

2.6 – Per coloro che sono inseriti nelle graduatorie di circolo e di
istituto di 3 fascia vigenti nel triennio scolastico precedente, restano
validi, ai fini dell’ammissione per il medesimo profilo professionale, i
titoli di studio in base ai quali avevano conseguito a pieno titolo
l’inserimento in tali graduatorie

La mia domanda è, si puo’ procedere alla convalida del punteggio visto che l’aspirante oltre che dal bando precedente e inserita dal 2005 confermando sempre lo stesso punteggio

Grazie per la disponibilità

di Giovanni Calandrino – Gentile scuola, il D.M. 55 del 09.06.2005 prot. n. 979 all’art. 2.5 stabiliva che i titoli di studio per l’ accesso ai profili professionali del personale ATA , erano quelli stabiliti dal CCNL comparto scuola per il quadriennio normativo 2002/05, quindi, i soli titoli di accesso al profilo di AA erano:

  1. diploma di qualifica professionale ad indirizzo specifico (addetto alla segreteria d’azienda; addetto alla contabilità di azienda; operatore della gestione aziendale; operatore della impresa turistica);
  2. oppure, diploma di scuola media integrato da attestato di qualifica specifica per i servizi di carattere amministrativo – contabile, rilasciato, al termine di corsi regionali, ai sensi dell’art. 14

della legge n. 845 del 21.12.1978;

  1. oppure, diploma di scuola media superiore che consenta l’accesso agli studi universitari.

Dunque per applicare il criterio della valutazione del miglior titolo di studio tra quelli previsti per l’accesso (in rif. al D.M. 55 del 09.06.2005), il diploma di scuola media inferiore doveva necessariamente essere integrato da un attestato di qualifica specifica per i servizi di carattere amministrativo – contabile (rilasciato, al termine di corsi regionali, ai sensi dell’art. 14della legge n. 845 del 21.12.1978).

In conclusione per attribuire al candidato il punteggio più favorevole della licenza media bisognava appurare anche il conseguimento dell’attestato di qualifica. Se ciò non è stato verificato occorre procedere alla rettifica del punteggio secondo quanto previsto dal D.M. 55 del 09.06.2005.

Stampa
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.
Per le istituzioni scolastiche. Consulenza specifica e risposta garantita. Gratuitamente [email protected]

Preparazione concorsi e TFA Sostegno con CFIScuola!