Graduatorie III fascia ATA: cosa succede se rinuncio a una supplenza

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Alcuni aspiranti ATA hanno scelto, per il triennio 2018/21, province diverse dalla propria ma si trovano nell’impossibilità di raggiungerle quando ricevono una proposta di supplenza. 

Cosa accade se non si accetta la proposta di supplenza

“Sono in graduatoria 3 fascia ATA come collaboratore scolastico, sono stata convocata e ancora oggi mi arrivano convocazioni,  su una ho dato disponibilità a mio malgrado ho dovuto rinunciare perché ho un minore in 3 media e nn ho potuto spostare durante l’anno scolastico, mi sarei dovuta trasferire da Napoli a Parma. Cosa dovrei fare? Grazie”

di Giovanni Calandrino – Gli effetti causati da rinuncia o abbandono della supplenza sono normati all’art. 7 del D.M. 430/2000.

L’art. 7 comma 1 lettera B) afferma che, per supplenze conferite sulla base delle graduatorie di circolo e di istituto:

  1. la rinuncia ad una proposta contrattuale, o alla sua proroga o conferma, non comporta alcun effetto;
  2. l’abbandono della supplenza comporta la perdita della possibilità di conseguire qualsiasi tipo di supplenza conferita, sia sulla base delle graduatorie permanenti, che delle graduatorie di circolo e di istituto, per l’anno scolastico in corso.

Le consigliamo di valutare le sue future scelte alla luce della normativa indicata.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione