Graduatorie GPS, chi aggiorna può aggiungere titoli e servizi degli ultimi due anni ma anche eventuali titoli non dichiarati nel 2020 [VIDEO]

WhatsApp
Telegram

Conto alla rovescia per l’aggiornamento delle Graduatorie per le supplenze. Probabilmente nelle prossime settimane si potrà effettuare l’inserimento e l’aggiornamento. Il Ministero propone come data di inizio il 19 aprile, i sindacati chiedono un rinvio e la possibilità di poter inserire quanti più candidati in possesso dei titoli, dato che l’aggiornamento è biennale.

Durante il Question Time di Orizzonte Scuola, l’esperto di normativa scolastica, Paolo Pizzo (Uil Scuola) ha risposto in merito a un quesito dei lettori sui servizi non inseriti.

Un lettore chiedeva se era possibile inserire i servizi non inseriti nel 2020 (alternativa alla regione ad esempio) o se si potranno inserire solo i servizi di questi due ultimi anni: “Dipende se si è già in GPS”, risponde Pizzo.

“Se non si è iscritti e si fa il primo inserimento quest’anno si possono inserire anche i servizi conseguiti negli anni passati che non ho mai dichiarato. Se invece non è il primo inserimento, ma faccio aggiornamento, io posso valutare i servizi successivi al 6 agosto 2020 fino alla data di scadenza dell’ordinanza ministeriale in via di emanazione”. Poi aggiunge: “Nello stesso tempo posso anche inserire servizi che sono precedenti al precedente biennio, ma che non sono mai stati dichiarati”.

COSA PREVEDE LA BOZZA 

I requisiti di accesso per 

INFANZIA PRIMARIA   – SECONDARIA – ITP – SOSTEGNO 

La consulenza

È possibile richiedere consulenza all’indirizzo [email protected]

È possibile confrontarsi sul forum di reciproco aiuto

È possibile seguire gli aggiornamenti tramite il tag Graduatorie di istituto e Supplenze

GPS, riapertura e aggiornamento: 19 aprile possibile data di apertura istanze, ma i sindacati chiedono numerose modifiche all’ordinanza. Le ultime notizie

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur