Graduatorie GPS 2024, M5S: “A rischio per colpa del Ministro Valditara”. Il Ministero risponde su ritardo percorsi abilitanti e 24 punti aggiuntivi

WhatsApp
Telegram

“Sono troppe le disparità tra docenti che si creeranno a seguito dell’ordinanza faticosamente emessa da Giuseppe Valditara. Non solo i professori che aspettano da troppo tempo di potersi abilitare non riusciranno ad inserirsi in I fascia a causa dei ritardi nella pubblicazione dei decreti di avvio, ma il sistema dei punteggi congegnato nelle tabelle delle GPS, soprattutto sul sostegno, contribuirà a creare ulteriori disparità tra docenti già ampiamente discriminati”.

Così gli esponenti del Movimento 5 Stelle in Commissione cultura alla Camera e al Senato

“Infatti, il punteggio ottenuto dal conseguimento del titolo tramite i nuovi percorsi abilitanti varrà come titolo culturale anche nelle graduatorie sul sostegno, una scelta assolutamente illogica considerando che l’unico percorso abilitante ad oggi partito è quello da 30 CFU per docenti già abilitati o specializzati”, proseguono i pentastellati.

“Il Ministro avrebbe dovuto comunicare in maniera più chiara e trasparente l’intenzione di assegnare un punteggio così alto, ma ha preferito tacere ed ora la sua disarmante incapacità rischia di mettere in discussione la legittimità delle graduatorie e delle relative nomine, con buona pace di coloro che speravano di poter finalmente insegnare”, concludono i parlamentari.

La replica del Ministero

Non si è fatta attendere la replica del dicastero di Viale Trastevere, che nella tarda mattinata del 6 giugno dirama una nota in cui fa il punto della situazione.

La presa di posizione di alcuni parlamentari di opposizione a proposito di presunte disparità di trattamento dei docenti inseriti nelle graduatorie provinciali per le supplenze (GPS) è destituita di ogni fondamento“, scrive il MIM.

La tardiva attivazione dei percorsi di abilitazione da parte delle università – chiarisce – non dipende in alcun modo dal Ministero dell’Istruzione e del Merito, che ha comunicato il fabbisogno di docenti abilitati tra agosto e ottobre 2023 e non ha alcuna possibilità di incidere sui tempi di organizzazione e di svolgimento delle procedure abilitanti”.

Quanto all’attribuzione di 24 punti aggiuntivi ai nuovi percorsi di abilitazione – prosegue il dicastero – va rimarcato che la notizia era nota fin dalle fasi iniziali dell’iter procedurale dell’Ordinanza ministeriale che disciplina l’aggiornamento delle GPS, a cominciare dalle informative rese alle organizzazioni sindacali, che ne hanno dato pubblica evidenza ben prima che l’ordinanza fosse formalizzata“.

“Peraltro, il punteggio di 24 punti assegnato ai nuovi percorsi non può certo considerarsi “un punteggio così alto”, secondo l’espressione usata da alcuni esponenti dell’opposizione, considerando che in passato, alle abilitazioni conseguite con i percorsi universitari di Tirocinio Formativo Attivo, sempre di durata annuale, sono stati attribuiti 42 punti aggiuntivi“, aggiunge il MIM.

WhatsApp
Telegram

“Percorsi abilitanti 30 CFU ai sensi dell’art. 13 del DPCM 04/08/2023”.  Hai tempo solo fino al 27 giugno 2024. Contatta Eurosofia