Graduatorie GPS, ITP depennato rientra in prima fascia con riserva. Ministero condannato a pagare stipendio non goduto

Stampa

Il tribunale del lavoro di Roma con una ordinanza emessa il 22 dicembre 2020 al ricorso ex articolo 700 n 32346 dichiara illegittimo il depennamento emanato nei confronti di un docente ITP inserito con riserva nella graduatoria di prima fascia delle GPS Graduatorie provinciali e di istituto della provincia di Roma. 

Cosa  era accaduto

Alcuni docenti avevano ricevuto nel corso del mese di novembre dall’Ufficio Scolastico di Roma decreto di depennamento dalla prima fascia GPS motivato dalla circostanza che il decreto cautelare in atto per l’inserimento fosse relativo alle graduatorie 2017/20, come se esso avesse una scadenza relativa alla validità della graduatoria, e non fosse invece riferito alla natura del titolo (anche se tale natura deve ancora essere accertata in via definitiva).

Eravamo intervenuti con specifico articolo, Graduatorie, ITP depennati da prima fascia GPS perché il provvedimento cautelare è riferito al triennio 2017/20

in cui avevamo messo in evidenza

“Premesso che il 90% degli ITP è inserito con riserva in virtù di provvedimenti cautelari, se il provvedimento cautelare relativo al triennio 2017/20 non fosse stato valido, sarebbe stato sufficiente scriverlo in quella FAQ di fine luglio o al massimo nella circolare del 5 settembre, invece di mantenere in graduatoria gli aspiranti, assegnare loro le supplenze, far verificare ai Dirigenti Scolastici la natura del titolo di accesso presentato e poi emanare un decreto di depennamento.

Risulta tra l’altro che la circostanza non sta interessando tutti gli Uffici Scolastici, quindi delle due l’una: o si dà la possibilità al docente ITP di inserirsi in prima fascia GPS in forza di un provvedimento cautelare senza riferimento agli anni di validità della graduatoria, o tutti gli inserimenti con riserva non dovrebbero avere efficacia.”

Un docente di enogastronomia, difeso dall’avvocato Alessandra Sandrucci, ha proposto ricorso avverso l’esclusione dalla graduatoria.

Il docente, che a seguito del depennamento era stato licenziato dalla scuola presso cui prestava servizio, è stato reintegrato sul posto di lavoro, reinserito nella graduatoria GPS di prima fascia ed il Miur condannato al pagamento delle spese legali e del trattamento stipendiale maturato e non corrisposto.

“Una grande vittoria” la definisce il docente interessato “che metterà fine si spera ad una procedura palesemente illegittima da parte dell’ATP di Roma che in questi ultimi mesi ha depennato numerosi docenti ITP in possesso di provvedimento cautelate valido a tutti gli effetti di legge.”

Il provvedimento del Giudice

Nei giorni 4 e 5 gennaio l’Ufficio Scolastico di Roma sta provvedendo alla rettifica delle GPS con il reinserimento dei docenti che hanno ottenuto il provvedimento da parte del Giudice del Lavoro.

Stampa

Eurosofia. Acquisisci punteggio in tempi rapidi per l’aggiornamento Ata: corso di dattilografia a soli 99 euro. Iscriviti ora