Graduatorie GPS, ITP con sentenza negativa ritornano in II fascia. Ma il Ministero non ha ancora indicato procedura

Stampa

Graduatorie GPS: L’Ufficio Scolastico di Modena ha pubblicato un decreto cartaceo  con il quale, a seguito di sentenza negativa, trasla la posizione dei docenti ITP interessati.

Nell’attesa che il Ministero dia seguito (dopo tre mesi) a quanto indicato nella nota del 5 settembre 2020, l’ufficio Scolastico di Modena ha emesso un decreto cartaceo per traslare la posizione di alcuni docenti ITP con sentenza negativa all’inserimento in I fascia per riportarli nella II fascia GPS e nella III delle graduatorie di istituto.

La decisione risponde alle difficoltà evidenziate dalla redazione di Orizzonte Scuola nell’articolo Supplenze, ITP in prima fascia GPS senza possibilità di avere incarichi

in cui abbiamo descritto il cortocircuito generato dalla circolare Ministero n. 26841 del 5 settembre 2020, se seguita alla lettera

«Anno scolastico 2020/2021 –Istruzioni e indicazioni operative in materia di supplenze al personale docente, educativo ed ATA»;  «disposizioni in materia di contenzioso» della predetta circolare ministeriale, in virtù delle quali, per i soggetti privi di abilitazione mai nseriti nella I fascia delle GPS e, conseguentemente, nella II fascia delle graduatorie di istituto in forza di provvedimenti cautelari emessi dalla magistratura è previsto che «All’atto della sentenza di merito, che accerta l’assenza del valore di abilitazione del titolo posseduto, gli Uffici procederanno all’esclusione dalle predette fasce e alla ricollocazione del soggetto, ove ovviamente in possesso del relativo titolo di studio, nelle corrispettive II fasce GPS e II fasce GI, secondo modalità che saranno successivamente rese note».

Alcuni docenti si sono trovati, in conseguenza della nota, beffati: esclusi dalla prima fascia ma senza indicazioni per l’inserimento in seconda.

Scioglie dunque ogni indugio l’ufficio Scolastico di Modena che procede attraverso decreto cartaceo pubblicato sul sito dell’Ufficio stesso.

Stampa

Nel prossimo incontro de L’Eco digitale di Eurosogia parleremo di: “Il coding nella scuola del primo ciclo: imparare divertendosi”