Graduatorie GPS, docenti inseriti senza i 24 CFU. Possono rimediare entro il 31 ottobre e accettare le supplenze?

WhatsApp
Telegram

Graduatorie GPS per il biennio 2022/24. La domanda di primo inserimento andava presentata entro lo scorso 31 maggio. Entro quella data era necessario essere in possesso del titolo di accesso (completo) alla seconda fascia. L’unica deroga per il titolo, in base all’OM n. 112 del 12 maggio 2022, era riservata ai docenti di prima fascia in attesa di conseguire l’abilitazione e/o la specializzazione.

Una nostra lettrice chiede

Quest’anno per la prima volta ho provato a inserirmi nelle GPS per ITP pensando che fosse possibile farlo solo con il diploma avendo un diploma rientrante per la classe di concorso b**. Ed in effetti sto ricevendo diverse convocazioni. Purtroppo Ho scoperto da poco, che essendo un nuovo inserimento era necessario avere anche  i 24 Cfu. Mea culpa che non ho letto bene la domanda di inserimento. Comunque ho letto tra le notizie che per i docenti è possibile conseguirli entro 31 ottobre. Chiedevo se questo è applicabile anche agli ITP come nel mio caso. Ovvero, se conseguissi i 24cfu entro ottobre sarei in regola e perciò potrei accettare una convocazione o devo segnalare L errato inserimento nelle GPS e perciò sarebbe inutile prendere i 24cfu ?
Grazie mille per l’attenzione e per qualsivoglia informazione vogliate darmi.

Titolo di accesso + 24 CFU per la seconda fascia GPS doveva essere in possesso entro il 31 maggio 2022

La risposta è negativa.

E’ vero che c’è una scadenza per il conseguimento dei 24 CFU legata alla data del 31 ottobre, ma questa non riguarda le GPS graduatorie provinciali e di istituto già costituite per il biennio 2022/24.

La domanda per le GPS 2022/24 è stata presentata infatti entro il 31 maggio. Quella era anche la data ultima entro la quale conseguire il titolo completo di accesso, nel suo caso diploma + 24 CFU in discipline psicopedagogiche e metodologie didattiche di cui al DM 616/2017.

Nel corso dell’estate gli Uffici Scolastici – grazie anche all’ausilio delle scuole polo – hanno lavorato per il controllo del titolo di accesso, per evitare che le GPS venissero pubblicate con aspiranti non in regola.

E in numerose province ciò è avvenuto. Non in tutte, come ci conferma la collega, ancora presente nelle GPS e destinataria di convocazioni.

Questo infatti crea delle difficoltà nell’attribuzione delle supplenze: perché se viene assegnata la supplenza alla docente senza titolo e questa prende servizio, solo dopo il controllo effettuato dalla segreteria scolastica ci si renderà conto dell’errore. A questo punto bisognerà revocare l’incarico, per individuare il vero avente diritto, che a questo punto avrà perso quanti giorni di supplenza?

Pertanto, alla luce del lavoro effettuato correttamente dagli Uffici Scolastici che hanno escluso i colleghi già prima della pubblicazione, è da escludersi che il conseguimento dei 24 CFU entro il prossimo 31 ottobre possa valere come “rimedio” all’errore commesso con l’inserimento in GPS.

Chi riguarda il conseguimento dei 24 CFU entro il 31 ottobre

Con la legge 79/2022 è arrivata la riforma del reclutamento e formazione del personale docente.

Il decreto governativo, atteso ormai con il nuovo Governo a meno di eclatanti novità, permetterà agli Atenei di organizzare i nuovi percorsi abilitanti, indispensabili per accedere ai concorsi per diventare docenti, che prevedono l’acquisizione di 60 crediti formativi universitari o accademici necessari per la formazione iniziale, comprendenti anche un tirocinio. I corsi saranno attivati sulla base del fabbisogno di cattedre, con prova finale che comprenderà una prova scritta e una lezione simulata.

Ci sarà anche un periodo transitorio: fino al 31 dicembre 2024 per partecipare ai concorsi a cattedra sarà data la possibilità ai candidati di possedere 30 o 24 CFU (se acquisiti entro il 31 ottobre 2022).

Dal 2025, per tutti il percorso per diventare insegnante nella scuola pubblica sarà il seguente: laurea magistrale (triennale per gli Insegnanti tecnico pratici); abilitazione da 60 CFU; superamento del concorso; svolgimento dell’anno di prova, con verifica finale.

Quindi l’acquisizione dei 24 CFU entro il 31 ottobre è legata alla partecipazione al concorso ordinario per il ruolo, non alle GPS.

Il nuovo percorso per diventare insegnante ITP di ruolo

In particolare ecco il percorso per i docenti ITP

Nuovo reclutamento ITP, come si diventa insegnanti. Dal titolo di studio, al concorso, all’immissione in ruolo

La consulenza

È possibile richiedere consulenza all’indirizzo [email protected]

È possibile seguire gli aggiornamenti tramite il tag Graduatorie di istituto e Supplenze

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VIII ciclo 2023, diventa docente di sostegno: corso di preparazione, con simulatore per la preselettiva. 100 euro, a richiesta proroga di una settimana