Graduatorie GPS 2022, compilazione domanda: tre annualità sostegno, max titoli dichiarabili, spostare servizi su altra graduatoria. Avviso del gestore

WhatsApp
Telegram

Compilazione domanda per l’aggiornamento delle graduatorie GPS provinciali e di istituto per le supplenze negli anni scolastici 2022/23 e 2023/24: a distanza di 8 giorni dall’apertura della piattaforma, con scadenza il 31 maggio, il Ministero modifica alcune sezioni per permettere agli aspiranti interessati di comunicare gli aggiornamenti.

Le modifiche apportate riguardano

  • gestione annualità di sostegno del precedente biennio, sia nel caso in cui il servizio sia stato dichiarato su sostegno, sia nel caso in cui sia stato dichiarato su tipo posto/classe di concorso; quest’ultimo caso dovrà essere soggetto a verifica puntuale da parte degli uffici;
  • liberalizzazione del limite massimo dei titoli dichiarabili, al fine di consentire la dichiarazione di ulteriori titoli nel caso in cui il massimo fosse stato raggiunto con un titolo ritenuto non valido dall’ufficio; anche questi casi dovranno essere soggetti a verifica puntuale, anche se in ciascuna sezione il punteggio massimo sarà quello corrispondente al numero di titoli previsti dalla norma; per le certificazioni linguistiche in presenza di un titolo migliorativo rispetto a quello dello scorso biennio il punteggio attribuito sarà quello della certificazione di livello superiore per ciascuna lingua;
  • in caso di cancellazione di una graduatoria con servizi associati sarà consentito spostare detti servizi su altra graduatoria, anziché doverli ridichiarare.

Rimangono altre situazioni per le quali il Ministero probabilmente emanerà specifiche FAQ

  • Seconda fascia Infanzia e Primaria: è ammessa l’iscrizione anche agli studenti fuori corso. Non solo, ciò che viene valutato, ai fini dell’iscrizione, è il possesso dei crediti (150,200,250) indipendentemente dall’anno di iscrizione.
    Per esempio, il docente iscritto al quarto anno di SFP che dovrebbe avere 200 crediti ma ne ha solo 150 (il minimo dei crediti per iscriversi) o più può accedere comunque alla II fascia. Quindi, ciò che è importante non è l’anno di iscrizione ma il numero dei crediti in possesso al momento della presentazione della domanda.
  • Concorso straordinario 2020. Chi l’ha superato ed ha una supplenza in corso (a.s. 2021/22) potrà far valere come titolo di accesso l’abilitazione. Sarà emanata una circolare.
  • Elenchi aggiuntivi e nuovo inserimento: sarà precisato da una FAQ. Chi si trova a pieno titolo può procedere con l’invio della domanda.

Chiarito inoltre che per il servizio svolto in Italia  bisogna flaggare “no” rispetto alla richiesta se sia stato svolto nei Paesi Europei.

Ne abbiamo parlato con Paolo Pizzo della segreteria nazionale UIL Scuola

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur