Graduatorie docenti terza fascia istituto, i requisiti per inserirsi per la prima volta

Stampa

Graduatorie terza fascia di istituto, i laureati con 24 CFU possono iscriversi nelle liste per le supplenze. 

Una  nostra lettrice chiede

vorrei sapere quali sarebbero i requisiti per iscrivermi alla terza fascia docenza. Sono laureata in giurisprudenza vecchio ordinamento, conseguimento 26/10/2004. Mi basta acquisire i 24 CFU? Grazie mille

No, non è sufficiente acquisire i 24 CFU in discipline pedagogiche e metodologie didattiche.

E’ necessario che la laurea sia orientata all’insegnamento, ossia possieda quegli esami o CFU ritenuti necessari dal Miur per l’accesso alla classe di concorso richiesta.

Pertanto è necessario controllare il proprio piano di studi, ed eventualmente integrare i CFU prima dell’apertura delle graduatorie.

E’ infatti necessario essere in possesso del titolo di studio completo per presentare la domanda di inserimento in terza fascia di istituto.

Titoli di accesso alle classi di concorso della scuola secondaria

Come indicato dal Miur, si tratta dei Titoli di studio prescritti nel Decreto del Presidente della Repubblica 19 del 14 febbraio 2016, successivamente modificato dal Decreto ministeriale 259 del 9 maggio 2017.

Gli esami o CFU richiesti dal Decreto del Presidente della Repubblica 19 del 2016 possono essere conseguiti durante il corso di laurea (triennale, specialistica, magistrale), tramite corsi post-lauream (scuole di specializzazione, master universitari e così via), tramite corsi singoli universitari.

  • Laurea di Vecchio Ordinamento, Laurea Specialistica o Magistrale di Nuovo Ordinamento, Diploma accademico di II livello, Diploma di Conservatorio o di Accademia di Belle Arti Vecchio Ordinamento DPR 19/2016 e DM 259/2017 ;
  • Diploma di scuola superiore (per gli insegnamenti tecnico-pratici) DPR 19/2016 e DM 259/2017 .

 

  • In base all’art.5 del DM 259/2017 sono fatti salvi, ai fini dell’accesso alle classi di concorso, i requisiti previsti dalla precedente normativa (DD.MM. n. 39 del 30 gennaio 1998, n. 22 del 9 febbraio 2005, per A077 DM n. 201 del 6 agosto 1999) se conseguiti entro la data del 23 febbraio 2016 per il DPR19/2016 e del 9 maggio 2017 per il DM 259/2017.
  • I laureati di Vecchio Ordinamento, che devono integrare il loro piano di studi, dovranno sostenere per ciascuna annualità richiesta esami di nuovo ordinamento da 12 CFU, con stessa o simile denominazione e nei corrispondenti SSD-Settori Scientifico Disciplinari previsti per le lauree di Nuovo ordinamento (SSD – Settori Scientifico Disciplinari).
  • Nelle note della Tab. A relative alle lauree di Nuovo ordinamento viene indicato prima il numero totale di CFU da conseguire e tutti i SSD utili all’accesso, poi il requisito minimo di CFU per ciascun SSD o gruppo di SSD. Nel caso in cui sia previsto un requisito minimo di CFU per un gruppo di SSD (separati da virgola, “e”, “o”) è possibile qualunque ripartizione fra tutti i SSD elencati nel gruppo purché la somma complessiva dei crediti non sia inferiore al totale. Tali crediti possono quindi essere conseguiti, senza limitazioni o vincoli numerici, in uno solo dei settori o parte nell’uno e parte nell’altro.

Esempio:

N.B.: non è obbligatorio conseguire CFU nel settore ICAR

Pertanto, per ritornare al quesito di partenza, la docente dovrà possedere i CFU richiesti per l’accesso alla classe di concorso alla quale si accede con la laurea in Giurisprudenza, più i 24 CFU in discipline pedagogiche e metodologie didattiche.

N.B. Il requisito laurea o diploma + 24 CFU vale solo per i nuovi inserimenti dal 2020. I docenti già inseriti potranno aggiornare la graduatoria con il titolo vigente alla data di iscrizione nel 2017.

L’aggiornamento e riapertura della terza fascia di istituto, prevista dal Decreto Scuola, è attesa per la primavera 2020. Non c’è ancora una data di riferimento.

Eventuali consulenze vanno richieste a [email protected]

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata