Graduatorie d’istituto. Miur invita USR a conformarsi a sentenza Tar Lazio su inserimento in II fascia ITP ricorrenti

di redazione
ipsef

item-thumbnail

I docenti ITP con ricorso pendente, come abbiamo più volte riferito, vanno inseriti con riserva in seconda fascia di istituto.

La disposizione summenzionata è stata comunicata alle scuole tramite un apposito avviso sul SIDI, dopo che l’Avvocatura dello Stato ha deciso di non impugnare la sentenza del TAR Lazio.

Oltre all’avviso sul SIDI, Il Miur ha inviato un’apposita nota agli Uffici Scolastici Territoriali, la n. 35937 del 17 agosto 2017.

Nella nota, diffusa dall’USR Marche, leggiamo che si deve provvedere all’inserimento in seconda fascia di istituto degli ITP ricorrenti, previa valutazione dei titoli d’acceso. Ciò al fine di un regolare avvio dell’anno scolastico e affinché non ci siano disparità sul territorio nazionale.

Non riportando la nota Miur nessun’altra indicazione, ricordiamolo, gli Uffici hanno adottato misure diverse in relazione alla possibilità di stipula di contratti a tempo determinato ai succitati docenti, come abbiamo riferito in Supplenze: docenti inseriti con riserva sono convocabili. ITP: aggiornamento continuo II fascia graduatorie di istituto.

In realtà, il Miur si era già espresso in merito con la  nota n.5237 del 24 febbraio 2016 , alla luce della quale:  “l’inserimento in GaE deve avvenire a pieno titolo “dando accesso a tutte le utilità ad essa connaturate e da essa discendenti, ivi incluse la destinazione di proposte di assunzione sia a tempo indeterminato che a titolo temporaneo”. In tale nota, si parla di docenti inseriti in GaE ma il principio è lo stesso.

A conferma di ciò, riportiamo quanto scritto dall’USR Marche in merito agli ITP: “Dall’inserimento dei docenti in oggetto nella seconda fascia delle GI devono discendere tutte le utilità giuridiche ed economiche ad esso connesse; pertanto laddove uno di costoro entri in turno di nomina dovrà essergli stipulato un contratto di supplenza produttivo di ogni effetto economico e giuridico.”

nota Miur e USR Marche

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief