Graduatorie di istituto, Ministero: non è possibile mantenere tabelle titoli del 2017, si crea disparità di trattamento

Stampa

Graduatorie provinciali e di istituto: il Ministero ha pubblicato l’ordinanza n. 60 del 13 luglio 2020, precisando quali rilievi del CSPI sono stati accolti e quali no. 

In particolare il CSPI nel proprio parere aveva scritto  “Pur consapevole dell’esigenza di rivedere le tabelle di valutazione dei titoli, il CSPI – in considerazione del fatto che non si possono modificare le regole in corso d’opera, anche al fine di evitare lo stravolgimento delle posizioni in graduatoria con un possibile, quanto prevedibile, diffuso contenzioso – propone di mantenere le tabelle attualmente in vigore, di cui al DM 131/2007 e al DM 374/2017”

Il CSPI aveva dunque fatto leva sulla possibilità di un diffuso contenzioso, ma la possibilità sembra non preoccupare il Ministero, che ha così risposto

“di non poter accogliere la richiesta del CSPI di mantenere le tabelle attualmente in vigore, di cui al DM 131/2007 e al DM 374/2017, in quanto le graduatorie di cui alla presente ordinanza e le relative tabelle di valutazione dei titoli rappresentano una innovazione disposta dal legislatore e non una semplice ricomposizione delle graduatorie previgenti e in quanto si verrebbe a ingenerare una palese e ingiustificabile disparità di trattamento tra gli aspiranti”

Graduatorie provinciali e di istituto. Ordinanza e tabelle titoli DEFINITIVE [Speciale]

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia