Graduatorie di istituto: i 24 CFU non danno punteggio. Chi deve averli e chi può farne a meno

Stampa

I docenti che probabilmente non sono in possesso dei 24 CFU non sono tanti, dato che il requisito “laurea + 24 CFU” oltre ad essere requisito di accesso per il primo inserimento nelle graduatorie di istituto, è anche requisito di accesso al concorso ordinario scuola secondaria I e II grado, in scadenza il 31 luglio

Specifichiamo i casi in cui non è necessario possedere i 24 CFU ai fini dell’accesso alle graduatorie provinciali di istituto

I 24 CFU costituiscono, nella maggior parte dei casi, requisito di accesso ai concorsi e alle graduatorie provinciali ma non danno punteggio

Cosa significa graduatorie di istituto provinciali

La trasformazione delle graduatorie di istituto in graduatorie provinciali era stata disposta dall’articolo 1-quater del decreto 126/2019, che modifica la legge n. 124/1999, prevedendo:

  • la costituzione di specifiche graduatorie provinciali distinte per posto e classe di concorso;
  • la costituzione di una specifica graduatoria provinciale per i soggetti in possesso del titolo di specializzazione sul sostegno.

I posti al 30 giugno e 31 agosto saranno assegnati dopo la convocazione, da parte degli Uffici Scolastici, dei docenti delle graduatorie ad esaurimento.

Per i posti al 30 giugno e 31 agosto nella domanda il docente sceglie l’intera provincia.

Venti scuole per le supplenze brevi e saltuarie: le graduatorie di istituto

Le graduatorie di istituto saranno suddivise in tre fasce:

1. la prima fascia corrisponde all’attuale prima fascia di istituto (docenti abilitati inseriti in GaE);
2. la seconda fascia è costituita dagli aspiranti presenti in GPS di prima fascia che scelgono, nella stessa provincia, fino a venti istituzioni scolastiche (abilitati non inseriti in GaE);
3. la terza fascia è costituita dagli aspiranti presenti in GPS di seconda fascia che scelgono, nella stessa provincia, fino a venti scuole (non abilitati).

Le graduatorie di istituto di prima fascia corrispondono alle graduatorie di prima fascia già vigenti per il triennio 2019/22.

24 CFU e graduatorie di istituto

I 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche, stando alla normativa vigente (O.M. n. 60/2020 e annesse tabelle di valutazione), non danno alcun punteggio nelle graduatorie di istituto, ma costituiscono requisito d’accesso alla seconda fascia GPS che come specificato poco sopra è sovrapposta alla terza fascia delle medesime graduatorie di istituto.

24 CFU: quando non sono obbligatori

I 24 CFU non sono obbligatori ai fini dell’accesso alla graduatoria provinciale per le supplenze, seconda fascia, nei seguenti casi:

  • chi è in possesso di abilitazione
  • chi ha precedente inserimento nella terza fascia delle graduatorie di istituto per la specifica classe di concorso.

Al di fuori di queste categorie di docenti, tutti i docenti devono essere in possesso dei 24 CFU.

In realtà i docenti che probabilmente non sono in possesso dei 24 CFU non sono tanti, dato che il requisito “laurea + 24 CFU” oltre ad essere requisito di accesso per il primo inserimento nelle graduatorie di istituto, è anche requisito di accesso al concorso ordinario scuola secondaria I e II grado, in scadenza il 31 luglio 2020.

Graduatorie provinciali e di istituto. Ordinanza e tabelle titoli DEFINITIVE [Speciale]

Stampa

Preparazione concorsi e TFA Sostegno con CFIScuola!