Graduatorie di istituto aggiornamento nel 2017: come ottenere punteggi aggiuntivi in tempi brevi

di redazione
ipsef

item-thumbnail

OS.it consiglia VoglioInsegnare – A breve riapriranno le graduatorie di istituto, precisamente nella primavera del 2017. Secondo l’emendamento al Milleproroghe, approvato dal Senato il 24 febbraio, ‘restano fermi i termini per l’aggiornamento delle GI di seconda e terza fascia’.

Questo significa che i docenti che si trovano iscritti in II e III fascia potranno aggiornare il proprio punteggio, inserendo i titoli conseguiti tramite corsi o master frequentati. Il DM 308 del 15 maggio 2014 indica quali sono i titoli culturali che vengono riconosciuti, dopo aver seguito corsi di perfezionamento, master, certificazioni informatiche o linguistiche. Precisamente l’allegato A chiarisce come ottenere un punteggio aggiuntivo nelle graduatorie d’istituto seconda fascia, mentre l’allegato B nelle graduatorie d’istituto terza fascia. I docenti iscritti in II fascia possono conseguire un massimo di 20 punti, mentre per gli iscritti in III fascia fino ad un massimo di 17 punti.

Graduatorie di istituto: ecco quali sono i titoli che vengono valutati

Aggiornare il proprio punteggio nelle graduatorie di istituto risulta fondamentale. Il proprio curriculum, infatti, verrà valutato dal Dirigente Scolastico che sceglierà il profilo migliore proprio in base alle competenze dichiarate. Va da sé, che maggiori saranno le skills indicate e maggiori possibilità avrà il docente di essere chiamato per:

  • Supplenze annuali o fino al termine delle attività didattiche;
  • Supplenze temporanee;
  • Supplenze per la copertura di posti divenuti disponibili dopo il 31 dicembre.

In sintesi, i docenti iscritti nelle graduatorie istituto, che siano iscritti in seconda o in terza fascia, potranno acquisire un punteggio aggiuntivo con:

  • Master, corsi di perfezionamento, specializzazioni, attestati di frequenza rilasciate da università o da enti accreditati;
  • Certificazioni informatiche come EIPASS, Microsoft, il corso su i TABLETS e il corso sulla LIM. In questo caso si può raggiungere fino ad un massimo di 4 punti e verrà valutato il grado più alto per ogni specifico settore;
  • Le certificazioni linguistiche. Precisamente per i docenti di seconda fascia il titolo viene valutato così: livello B2 (3 punti), C1 (4 punti) e C2 (6 punti). Per il personale iscritto in III fascia i livelli che vengono considerati sono: QCER B2 (1 punto), QCER C1 (2 punti) e QCER C2 (3 punti).

Aggiornamento graduatorie istituto 2017 in tempi brevi con corsi online

L’unico modo per ottenere il maggior punteggio in tempi brevi, visto che manca davvero poco alla riapertura delle graduatorie di istituto, è seguire corsi online. I vantaggi, ovviamente, sono molteplici. Nella maggior parte dei casi le lezioni dei corsi sono on demand, quindi le lezioni vengono registrate. In questo modo, potrai scegliere quando seguire a seconda dei tuoi impegni. Inoltre, potrai frequentare il corso dove vuoi, in quanto per collegarti sarà sufficiente un computer o un dispositivo mobile e una connessione ad internet.

In questo senso ‘Voglioinsegnare.it’ ha messo a disposizione dei suoi iscritti e non solo la sua piattaforma per conseguire le opportune certificazioni previste dal DM308 del 15 maggio 2014. Tutto sarà in modalità online proprio per venire incontro a quei docenti che non hanno il tempo di seguire in presenza, e non vogliono precludersi la possibilità di aggiornare il proprio punteggio. Inoltre sul sito vengono indicate nel dettaglio le tabelle di valutazione titoli dell’allegato A e B con tutte le relative specifiche.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare