Graduatorie di istituto, abilitati in Romania in II fascia. Preside a giudizio

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Un dirigente scolastico del Lazio aveva inserito nella graduatoria di seconda fascia, anche i docenti abilitati in Romania senza il riconoscimento del Miur.

Qualcuno però ha protestato, ha adito le vie legali con un esposto in Procura. Il risulato è stato il rinvio a processo del dirigente con giudizio immediato, con l’accusa di abuso di ufficio.

A predisporre la misura è stato il il giudice per le indagini preliminari del Tribunale competente per territorio, Pierpaolo Bortone, mentre – come scrive LatinaQuotidiano.it, a chiedere il processo era stato il sostituto procuratore Giuseppe Miliano.

Ad accorgersi di alcune anomalie erano stati alcuni docenti che non riuscivano a spiegarsi le loro posizioni nelle rispettive classi di consorso di seconda e di terza fascia pubblicate dalle scuole.

Gli insegnanti abilitati in Romania (compreso il figlio del dirigente scolastico) in attesa del riconoscimento da parte del Miur comparivano in seconda fascia, anziché in terza, con un palese privilegio di cui adesso dovrà rispondere l’imputato.

Versione stampabile
anief
soloformazione