Graduatorie ATA terza fascia, possibile inserirsi per più profili. Zero punti per la laurea al collaboratore scolastico

WhatsApp
Telegram

Atteso quest’anno l’aggiornamento delle graduatorie di terza fascia ATA, utilizzate per le sostituzioni di personale assente. Le domande dovrebbero potersi presentare nel 2024, anche se si ipotizza uno slittamento al prossimo anno. Il prossimo aggiornamento recepirà le novità introdotte dal nuovo CCNL 2019-21.

Una lettrice chiede:

Buongiorno, vorrei avere delle informazioni riguardo all’inserimento nelle graduatorie III fascia ATA per il triennio 2024/2027.

Innanzitutto, vorrei sapere se tra i requisiti obbligatori per poter presentare la domanda e, quindi, accedere alle graduatorie è richiesto il conseguimento del Certificato Internazionale di Alfabetizzazione Digitale. Se necessario, esistono delle piattaforme online riconosciute da consigliare?

Inoltre, è possibile presentare la domanda per i due profili di Assistente Amministrativo e Collaboratore scolastico? Sono in possesso del diploma di maturità scientifica e di laurea magistrale in lettere antiche.

Infine, dal momento che sono una mamma con bambini molto piccoli, vorrei sapere cosa comporta la possibilità di non accettare, per motivi familiari, un incarico di supplenza. Sono previste delle penalizzazioni, come per esempio il depennamento dalle graduatorie? Se sì , il depennamento riguarda l’anno scolastico in questione o l’intero triennio? Quante volte si può rifiutare una convocazione per non incorrere in penalizzazioni? Per le madri di bambini minori di 3 anni esistono delle tutele?

Sulla prima domanda la risposta è sì: la certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale diventa requisito di accesso, ad esclusione del profilo del collaboratore scolastico. Per comprendere di cosa si tratta le riportiamo quanto previsto dal CCNL, in attesa di ulteriori informazioni:

deve intendersi la certificazione rilasciata da un ente accreditato presso l’ente di accreditamento nazionale che attesta la competenza e l’indipendenza degli organismi di certificazione e la conformità delle certificazioni ai framework europei.

Tale certificazione deve essere registrata presso il medesimo ente di accreditamento, essere in corso di validità all’atto dell’iscrizione in graduatoria, attestare il superamento di un test finale relativo all’acquisizione delle competenze informatiche richieste, tra le quali: conoscenza dei sistemi operativi, di word processor, di fogli elettronici, di gestione della posta elettronica.

Gli enti devono essere accreditati ad Accredia.

Quanto alla seconda domanda la risposta è ancora positiva: può inserirsi per più profili professionali se ne ha i requisiti. Qui una scheda con i requisiti per profilo previsti dal nuovo CCNL

La laurea non è titolo di accesso per assistente amministrativo e collaboratore scolastico. La laurea triennale o magistrale (si valuta un solo titolo) dà però due punti aggiuntivi per assistente amministrativo ma non per collaboratore scolastico. Questo è quanto scritto nell’ultimo bando, il dm 50/2021.

Infine, sull’ultima domanda che pone, non ci sono sanzioni per rinuncia a convocazione e supplenza, tanto meno è previsto il depennamento dalle graduatorie. Per le madri con bambini piccoli non esistono tutele su questo punto, ma in ogni caso, come detto, non rischia niente in caso di rifiuto.

WhatsApp
Telegram
Pubblicato in ATA

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri