Graduatorie ATA terza fascia, perché in tanti vogliono spostare aggiornamento a giugno

Stampa

Riapertura e aggiornamento della terza fascia graduatorie ATA per il triennio 2021/23: il Ministero ha recentemente comunicato ai sindacati rappresentativi di aver predisposto la pubblicazione del decreto e tabella titoli definitivi per venerdì 19 marzo, con avvio della presentazione della domanda da lunedì 22 marzo fino al 22 aprile. Una data che non piace ad alcuni sindacati, per la concomitanza delle domande di mobilità e probabilmente ata 24 mesi, ma anche a numerosi aspiranti in attesa di conseguire nuovi titoli che permettano di incrementare il punteggio.

Un nostro lettore chiede

Vi contatto per due info sulle prossime domande di aggiornamento Ata III fascia. I titoli acquisiti dopo la data di apertura del bando si possono inserire sulla domanda o restano fuori? Chiedo perché volevo acquisire ATTESTATO EIPASS. Inoltre chiedo info se fate assistenza su compilazione ed invio domande di inserimento in graduatorie ata Attendo un Vostro cortese riscontro.

I titoli, sia culturali che di servizio, potranno essere conseguiti entro la data di scadenza per la presentazione della domanda. Quindi se la scadenza sarà posta al 22 aprile, quella sarà la data ultima. Se la data dovesse essere spostata a maggio  – giugno, ci sarà più tempo per acquisire nuovi titoli e quindi punteggio in più.

Una situazione nella quale si trovano numerosi aspiranti che non hanno accolto di buon grado la notizia di una possibile presentazione della domanda entro il 22 aprile.

Le date anticipate dalla redazione di Orizzonte Scuola potrebbero subire degli slittamenti? Sì, potrebbero. Se ne discuterà oggi.

Cosa comporterebbe lo slittamento?

Ad andar bene, nulla. In un mondo ideale le segreterie scolastiche, anche se ti arrivano due milioni di domande in piena estate, sono in grado di pubblicare entro il 31 agosto graduatorie nuove, senza errori, pronte per essere utilizzate.

Nel mondo reale potrebbero accadere due cose: graduatorie pubblicate in fretta e piene di errori, oppure rinvio di un anno della graduatoria come accaduto nel 2017. Naturalmente nessuno auspica la seconda soluzione, sicuramente c’è un giusto mezzo in tutte le cose.

Siamo certi che i sindacati sapranno tutelare gli interessi di tutti e vigileranno affinchè vi sia il pieno rispetto della normativa, garantendo a chi deve effettuare il primo accesso di poter essere in graduatoria già dall’anno scolastico 2021/22.

I requisiti di accesso per ogni profilo e le FAQ

Stampa
Pubblicato in ATA

Il nuovo modello di PEI, Eurosofia avvia un nuovo percorso formativo. Primo incontro il 28 aprile