Graduatorie ATA terza fascia, aver dimenticato di inserire un titolo o una preferenza non è errore materiale

Stampa

Graduatorie ATA terza fascia: il nostro articolo sulla possibilità di correzione di errori materiali ha ridestato le speranze di alcuni aspiranti che si sono accorti di aver compilato in maniera non esaustiva la domanda di inserimento o aggiornamento entro il 26 aprile 2020. Tuttavia bisogna fare dei distinguo.

Non aver inserito un titolo non può essere considerato “errore materiale”

L’errore materiale è quello di digitazione, è quello della mancata compilazione di un campo della sezione interessata a fronte di una esplicita volontà di inserire quel titolo.

E’ vero che nella mente di ciascuno di noi la “dimenticanza” potrebbe essere associata ad errore materiale, ma di fatto non è così.

La scuola capofila fotograferà ciò che è stato dichiarato al 26 aprile, nella fase delle graduatorie provvisorie non potranno essere inseriti ex novo titoli non presenti nella domanda o, peggio ancora, inseriti con riserva (inesistente nel bando Dm n. 50 del 3 marzo 2020) e poi conseguiti successivamente.

Scrive un nostro lettore

vorrei un chiarimento in merito alla compilazione dei titoli di preferenza per la graduatoria di terza fascia del personale ATA. Nel punto Q: “prestato servizio senza demerito, a qualunque titolo per non meno di un anno alle dipendenze del Ministero Istruzione” Io ho fatto alcune supplenze come collaboratore presso una scuola paritaria circa un mese, avevo diritto a indicare tale punto? Se non avevo diritto è possibile comunicare tale errore alla scuola capofila?

La risposta al quesito è negativa, sono validi solo i servizi svolti nella scuola statale; non possono essere considerati ai fini della preferenza i servizi svolti nelle scuole paritarie, legalmente riconosciute, pareggiate, nelle scuole primarie parificate o nelle scuole di infanzia autorizzate.

Pertanto il nostro utente può stare tranquillo di non aver commesso un errore. Ma se la risposta fosse stata affermativa, in ogni caso non si potrebbe aggiungere una tale osservazione durante la fase delle graduatorie provvisorie. In questo modo infatti si verrebbe a modificare la domanda, e non è questo il senso.

A nostro parere potrebbe essere considerato “errore materiale” aver dimenticato di inserire gli estremi del decreto di convalida per chi ha avuto una supplenza e rettifica o conferma del punteggio. In questo caso infatti inserire successivamente il dato non modifica la graduatoria, ma semplicemente agevola il lavoro delle segreterie.

Quando saranno pubblicate le graduatorie provvisorie?

Non c’è ancora una data, le scuole capofila inizieranno la valutazione delle domande a partire dal mese di maggio. Dipenderà dal numero di domande pervenute, dalla compilazione più o meno corretta delle stesse. Se non si riscontrano errori infatti il processo sarà molto più snello.

Graduatorie ATA terza fascia: la pubblicazione avverrà nella stessa data in tutte le scuole della provincia

Stampa
Pubblicato in ATA

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur