Graduatorie ATA terza fascia apertura e aggiornamento probabile a marzo. BOZZA, i contenuti

Stampa

La bozza ministeriale presentata oggi dal Ministero ai sindacati per l’aggiornamento della terza fascia delle Graduatorie d’Istituto per il personale ATA ricalca in linea di massima i precedenti decreti degli scorsi anni, probabile la presentazione delle domande in primavera.

Ricordiamo quali sono i titoli di accesso per ogni profilo

Una novità è rappresentata dalla presentazione telematica della domanda, tramite Istanze online.

Le proposte del sindacato ANIEF

“Ma serve un “aggiornamento” vero e non solo formale – chiarisce Martino Todaro del gruppo ATA nazionale Anief – le graduatorie di terza fascia ATA hanno bisogno di procedure più snelle per sgravare le segreterie scolastiche già oberate dalle troppe incombenze e abbiamo proposto delle novità non indifferenti sulla gestione di queste graduatorie: aggiornamento annuale dei punteggi, inserimento diretto nella prima fascia G.I. in caso di cambio provincia e regole certe per la valutazione del titolo di accesso in caso di possesso di più titoli utili. Per noi queste sono delle novità necessarie e indispensabili”.

Nel periodo di aggiornamento delle graduatorie ATA, infatti, ogni candidato presente in prima fascia, che vuole trasferirsi nella terza fascia di un’altra Provincia, deve prima cancellarsi dalla precedente prima fascia e attendere 4 o 5 mesi per poi rientrare, solo successivamente, nella prima fascia della nuova provincia grazie all’aggiornamento della graduatoria “24 mesi”.

“È una procedura farraginosa – continua il delegato Anief – che non fa bene a nessuno e rallenta tutta la procedura, sarebbe il caso di allineare i cambi di provincia del personale ATA immediatamente per garantire ai lavoratori continuità nella possibilità di ottenere incarichi lunghi di supplenza”.

Anche queste proposte Anief, eventualmente anche per una futura revisione dell’intero assetto delle graduatorie ATA, sono state sottoposte all’Amministrazione, ma il giovane sindacato non ha dimenticato di segnalare anche altre urgenze nelle graduatorie di terza fascia ATA: “In caso di più titoli utili per l’accesso al medesimo profilo – continua Todaro – abbiamo chiesto di mettere nero su bianco nel decreto ministeriale di prossima emanazione che l’amministrazione deve sempre valutare quello più favorevole per il candidato e attribuire, dunque, il miglior punteggio possibile. Questo è indispensabile per evitare disparità di valutazione e trattamento dei candidati e per garantire l’imparzialità dell’azione amministrativa”.

Proposto dall’Anief, anche, l’inserimento come titolo utile all’accesso per il profilo di Collaboratore Scolastico, dell’attestato di maturità ottenuto a seguito di corso quinquennale facilitato. “In tal modo potranno accedere al profilo di Collaboratore Scolastico – conclude il delegato Anief – coloro che sono in possesso di licenza media e attestato di maturità ottenuto a seguito di percorso quinquennale facilitato poiché DSA, BES o con disabilità certificata. Non dimentichiamo che tale attestato è assolutamente utile per l’accesso all’università e deve poter essere utilizzato anche per l’accesso al mondo del lavoro”.

Graduatorie ATA aggiornamento terza fascia, oggi riunione al Ministero. Le FAQ

Stampa
Pubblicato in ATA

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur