Graduatorie ATA III fascia: errore modello 2017/19 anziché 2017/20. Domande presentate sono valide

di redazione
ipsef

item-thumbnail

E’ subito balzata agli occhi del personale interessato alla domanda ATA III fascia, che andrà consegnata presso una segreteria scolastica entro il 30 ottobre, la dicitura di intestazione recante la scritta “triennio 2017- 19”, anziché 2017- 20.

“DOMANDA DI INSERIMENTO NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI TERZA FASCIA PER IL TRIENNIO SCOLASTICO 2017-2019 PER IL PERSONALE ATA”

così titola la domanda.

Sul web un fiorire di proteste, soluzioni, polemiche. Gli aspiranti contestano il fatto che l’analoga domanda, presentata dai docenti entro il 24 giugno 2017, presentava la corretta dicitura

“MODELLO DI RICHIESTA DELLE GRADUATORIE DI II FASCIA PER GLI AA.SS. 2017/2018, 2018/2019, 2019/2020” senza lasciare alcun dubbio.

Cerchiamo di fare chiarezza.

Innanzituttto va detto che i modelli rilasciati dal Ministero (pubblicati qui ) rimangono validi anche se qualche aspirante li avesse già presentati o li presenterà nei prossimi giorni pur con la dicitura errata. La dicitura non va corretta a penna, non serve a nulla.

Ciò che conta infatti è il decreto n. 640, già pubblicato in data 30 agosto 2017 che ha espressamente chiarito “Le nuove graduatorie di circolo e di istituto di terza fascia sostituiscono integralmente quelle vigenti nel triennio scolastico precedente e hanno validità per il triennio scolastico 2017/18, 2018/19, 2019/20, ai sensi dell’art. 5, comma 6 del Regolamento”

Pertanto la validità della graduatoria non verrà inficiata dal fatto che nel modello di domanda ci sia scritto 2017/19, e non 2017/20. Tra l’altro si suppone che il Ministero abbia abbreviato così il triennio, ma sempre in riferimento agli anni scolastici.

Se poi il Ministero dovesse rilasciare dei nuovi modelli, in ogni caso le domande presentare rimarranno valide o comunque il Ministero fornirebbe apposite indicazioni per esse.

Graduatorie III fascia ATA. Da oggi le domande, c’è tempo fino a fine ottobre. Le guide e i modelli di domanda

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione