Graduatorie ATA terza fascia: scelta scuole e correzione aggiornamento, ma non altri errori. A giorni la risposta del Ministero

WhatsApp
Telegram

Il Ministero dell’Istruzione, nell’incontro con i Sindacati, ha aperto alla possibilità di correzione di alcuni errori commessi dai candidati di terza fascia ATA in fase di compilazione dell’istanza, quest’anno totalmente telematica. La risposta arriverà a breve. In questi giorni gli Uffici scolastici provinciali stanno pubblicando gli avvisi con le date delle provvisorie. Le definitive sono attese per metà agosto.

Apertura dal Ministero per la scelta delle 29 scuole e per la correzione di conferma cliccato al posto di aggiornamento.

La scelta delle 29 sedi interesserà soltanto coloro che erano già presenti nelle graduatorie del triennio precedente e che, per disattenzione o difficoltà, non hanno importato le sedi già scelte nel 2018. A loro potrebbe essere data la possibilità di confermare le scuole del triennio 2018/21.

Allo stesso modo, chi ha cliccato per errore conferma anziché aggiornamento, vedendosi confermato il punteggio precedente pur avendo nuovi titoli di cultura o di servizio, potrebbe avere la possibilità di rimediare. Il Ministero ha fatto sapere che darà una risposta entro pochi giorni al riguardo.

Non vi è alcuna possibilità invece per ciò che riguarda altri errori, a meno che non si tratti di errori cosiddetti materiali per i quali si può fare richiesta di correzione alla scuola capofila entro 10 giorni dalla pubblicazione delle provvisorie. Un errore materiale può essere una svista, ad esempio l’inserimento di un titolo con data errata. Sempre entro 10 giorni dalla pubblicazione delle provvisorie è possibile presentare reclamo al dirigente della scuola che ha gestito la domanda.

Graduatorie ATA terza fascia, avviata la pubblicazione delle provvisorie. Avvisi Uffici provinciali: aggiornato MILANO

WhatsApp
Telegram
Pubblicato in ATA

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso: con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO