Graduatorie ATA 24 mesi, come calcolare il punteggio. Ecco il calcolatore della Uil Scuola Rua

WhatsApp
Telegram

Dal 27 aprile al 18 maggio 2023 gli aspiranti ATA possono presentare domanda per l’aggiornamento delle graduatorie 24 mesi. Le graduatorie, che si aggiornano annualmente, sono utili per i ruoli e le supplenze nell’anno scolastico 2023/24. Ma come calcolare il punteggio? La Uil Scuola Rua ha realizzato un utile calcolatore che riproponiamo.

CALCOLATORE Uil Scuola Rua

ATA 24 mesi calcolo servizio

Il requisito principale di ammissione ai concorsi ATA 24 mesi è aver svolto due anni di servizio, quindi 24 mesi di servizio, ovvero 23 mesi e 16 giorni, anche non continuativi.

Le frazioni di mese vengono tutte sommate e si computano in ragione di un mese ogni trenta giorni e l’eventuale residua frazione superiore a 15 giorni si considera come mese intero.

I 24 mesi di servizio, anche non continuativi, vanno calcolati considerando (OM 23.02.2009, n. 21):
– come da calendario i mesi interi, risultando irrilevante il numero dei giorni di cui ogni singolo mese è composto;
– in ragione di un mese ogni 30 gg. la somma delle frazioni di mese;
– come mese intero, la eventuale frazione di mese residua superiore a 15 gg.

Non è ammissibile un computo basato su tutto il servizio in giorni riconducendoli poi a mese mediante una divisione per trenta.

I periodi continuativi articolati su più mesi sono calcolati partendo dal primo giorno di servizio. Si conteggia poi il periodo
intercorrente tra tale giorno e il giorno immediatamente precedente del/i mese/i successivo/i. Si procede infine al computo dei giorni restanti di tale ultimo mese, come da calendario.

Leggi anche Graduatorie ATA 24 mesi, calcolo servizio: vale quello prestato in Valle d’Aosta e nelle Province di Trento e Bolzano

Concorso ATA 24 mesi 2023: come presentare domanda. Dal 27 aprile al 18 maggio. Le novità nella CIRCOLARE del Ministero

WhatsApp
Telegram
Pubblicato in ATA

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri