Graduatorie ATA 24 mesi, chi è già inserito sceglie il Modello B2: importante aggiornare per non perdere posizione

WhatsApp
Telegram

Anche il personale ATA già presente nelle graduatorie 24 mesi e che intende aggiornare i propri titoli di cultura e/o di servizio deve presentare domanda entro il 18 maggio 2023. L’aggiornamento è importante per fare in modo che l’aspirante non perda la propria posizione e tenga soltanto i titoli già inseriti in precedenza. Inoltre alcune dichiarazioni sono soggette a scadenza e vanno riconfermate.

L’aspirante già inserito nelle graduatorie ATA 24 mesi compila il Modello B2: Richiesta di aggiornamento nella graduatoria, dove ha la possibilità di selezionare i profili di interesse.

L’aspirante che aggiorna una graduatoria in cui era già presente lo scorso anno deve inserire solo i titoli e i servizi non precedentemente dichiarati.

L’aspirante che invece aggiorna un profilo e si inserisce in un altro deve dichiarare tutti i titoli e tutti i servizi: sarà l’ufficio che valuterà la domanda a non valutare i titoli e i servizi precedentemente valutati.

La domanda

Per accedere all’istanza su Polis Istanze online è necessario essere in possesso di Spid o Cie. Si può presentare domanda, a pena di esclusione, nella regione e provincia in cui si presta attualmente servizio.

Si possono modificare i dati presenti nelle sezioni compilate, finché non si è inoltrata la domanda. Al momento dell’inoltro, il sistema crea un documento in PDF, che viene inserito nella sezione “Archivio” presente sul menù “funzioni” dell’utente, contenente il modulo domanda compilato e che viene inviato via mail all’aspirante.

Dopo l’inoltro della domanda, i dati presenti nel PDF potranno essere modificati solo previo annullamento dell’inoltro.

Rivedi il tutorial con Pasquale Raimondo della Uil Scuola Rua

Concorso ATA 24 mesi 2023: ultime ore per presentare domanda, scadenza 25 maggio. Tutte le info nello SPECIALE

WhatsApp
Telegram
Pubblicato in ATA

Concorso Dirigenti scolastici, preselettiva superata? Preparati per lo scritto