Graduatorie ad esaurimento: pasticcio punteggi a Roma, addirittura 600 punti di titoli!

Di
WhatsApp
Telegram

red – L’ufficio scolastico di Roma ha battuto tutti e pubblicato le graduatorie ad esaurimento provvisorie in anteprima su tutte le altre province d’Italia… ma quanti pasticci nei punteggi!

red – L’ufficio scolastico di Roma ha battuto tutti e pubblicato le graduatorie ad esaurimento provvisorie in anteprima su tutte le altre province d’Italia… ma quanti pasticci nei punteggi!

A partire da quelle lettere R ed S, che risultano – anche dopo i chiarimenti – di oscura comprensione, dato che sono state assegnate in maniera diversa anche a candidati che vantano la stessa situazione.

E poi punteggi pregressi mancanti, confusione tra titoli e servizi. Inevitabile dunque che i numeri messi a disposizione per i reclami fossero presi d’assalto, con la conseguente che la casella di posta è ormai piena e non riceve altri messaggi e anche il numero di fax risulta non attivo nel weekend.

E come non citare quel grossolano errore che vede in una delle graduatorie, una docente slittare in testa con ben 712 punti! (neanche nelle migliori storie di precariato si riesce a raggiungere tale quota!), di cui 600 solo per i titoli.

Lunedì mattina i funzionari dell’Ufficio Scolastico dovranno ricevere sicuramente un numeroso gruppo di docenti e fornire loro delle spiegazioni.

Le segnalazioni

Maria – Gentilissimi, sono un’insegnante precaria inserita nelle G.E. di Roma da ben dieci anni. Anche quest’anno mi tocca fare ricorso per mancata considerazione di una preferenza ben specificata nella domanda di aggiornamento, ció nonostante posso considerarmi fortunata vista la sorte di molti colleghi ai quali sono stati sottratti diversi punti attinenti a titoli già dichiarati negli anni precedenti.

Ma il motivo per cui vi scrivo non è questo, è naturale che vi siano degli errori nelle provvisorie ed è per questo che ci viene concesso il diritto al reclamo. Ció che voglio segnalare sono le difficoltà che molti docenti come me stanno incontrando nell’invio del ricorso. La casella di posta elettronica è intasata ed il fax da stamattina non riceve.

L’ ansia naturalmente è a mille, come può comprendere solo chi sa cosa significhi correre il rischio di perdere posizioni in G.E. Insomma la mia impressione è che sia stato superato il limite della normale tollerabilità, considerati anche i tempi strettissimi per inviare il reclamo.

Domani dovrebbe essere il mio primo giorno di vacanza, giorno che trascorreró attaccata dinuovo al fax o al computer. Tutto questo non è giusto e lede profondamente la mia dignità di insegnante e contribuente onesta. Cordialmente

Rocco – La presente per segnalare che l’ATP di Roma, dopo aver previsto unicamente l’invio per e-mail e per fax del reclamo (e dei relativi allegati) avverso le GAE provvisorie pubblicate il 23/7 u.s. da oggi, 26/7, non le ha rese funzionanti (forse perché già intasate) impedendo ai numerosissimi interessati di proporre tale reclamo.

Si fa presente, che il termine ultimo per detto reclamo è il 29/07 p.v. (includendo nei cinque giorni previsti anche il sabato e la domenica). Inoltre, dall’esame approfondito delle GAE provvisorie emerge, in modo lapalissiano che, quasi per tutti i docenti ivi inseriti, sono stati sommati i titoli del servizio pregresso con i titoli culturali riportando il totale nel “PREGR.”, il che è sbagliato.

Sono giunte segnalazioni di punteggi in più attribuiti ad alcuni docenti e di punteggi in meno attribuiti ad altri.

Inoltre, l’ATP di Roma non ha ben chiarito il significato della lettera “R” ed “S” che compare negli elenchi; anzi, con un avviso (in allegato) ha confuso ancor più le idee.

Inoltre, gli impiegati dell’ATP non rispondono alle e-mail, né al telefono per dare chiarimenti al riguardo. Lunedì 28 p.v. si prevede il caos a Via Pianciani.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur