Graduatorie ad esaurimento: no a nuovi inserimenti insegnanti di Musica. Impegno del Ministro a ripensare abilitazioni e reclutamento

di Lalla
ipsef

red – Ad una nuova interrogazione parlamentare dell’On. Serra (M5S) sull’inserimento nelle graduatorie provinciali degli insegnanti di Musica, il sottosegretario Galletti ricorda che tali graduatorie sono ad esaurimento e conferma l’impegno del Ministro a valutare, nel quadro di un più generale riordino del sistema di abilitazione e reclutamento, le soluzioni per tutelare le aspettative degli aspiranti docenti che hanno ottenuto l’abilitazione

red – Ad una nuova interrogazione parlamentare dell’On. Serra (M5S) sull’inserimento nelle graduatorie provinciali degli insegnanti di Musica, il sottosegretario Galletti ricorda che tali graduatorie sono ad esaurimento e conferma l’impegno del Ministro a valutare, nel quadro di un più generale riordino del sistema di abilitazione e reclutamento, le soluzioni per tutelare le aspettative degli aspiranti docenti che hanno ottenuto l’abilitazione

Il sottosegretario GALLETTI risponde all’interrogazione n. 3-00624 della senatrice Serra sull’inserimento nelle graduatorie ad esaurimento degli insegnanti di musica, ricordando che la quarta fascia delle predette graduatorie è stata introdotta per includere gli aspiranti docenti che negli anni dal 2008-2009 al 2010-2011 si sono abilitati attraverso tre specifici percorsi professionali: i corsi biennali di secondo livello ad indirizzo didattico (COBASLID); il secondo e il terzo corso biennale di secondo livello per la formazione dei docenti di educazione musicale delle classi di concorso 31/A e 32/A e di strumento musicale nella scuola media della classe di concorso 77/A; i corsi di laurea in scienze della formazione primaria.

Come più volte chiarito con riferimento a precedenti atti di sindacato ispettivo, e come da ultimo ribadito dallo stesso ministro Carrozza nella seduta di question time alla Camera del 4 dicembre 2013, precisa che disporre nuovi inserimenti nella quarta fascia delle predette graduatorie ne implicherebbe una riapertura, realizzabile solo attraverso un intervento legislativo che non sarebbe comunque coerente con i recenti interventi legislativi di riforma del sistema di reclutamento dei docenti, che fanno delle graduatorie – per l’appunto – un meccanismo in via di esaurimento.

Segnala peraltro che i limitati casi di nuovi inserimenti disposti negli ultimi anni, ivi compresa l’istituzione della quarta fascia ai sensi dell’articolo 14, comma 2-ter, del decreto-legge n. 216 del 2011, si riferiscono a situazioni del tutto eccezionali, di soggetti che avevano precedentemente maturato specifiche e legittime aspettative.

Fa presente poi che il decreto ministeriale n. 53 del 14 giugno 2012 ha dato applicazione alla norma sopra indicata fissando le modalità per la presentazione delle domande di inserimento e indicando, quale termine ultimo di presentazione delle stesse, il 10 luglio 2012. Questo termine è la conseguenza della previsione legislativa, a norma della quale l’inserimento nella quarta fascia è riservato a coloro che hanno conseguito i titoli abilitanti indicati dalla legge entro l’anno accademico 2010-2011.

Afferma dunque che tale previsione risulta coerente con l’introduzione di un nuovo sistema di reclutamento basato sul concorso pubblico e con l’avvio del tirocinio formativo attivo (TFA), processi che rimangono distinti ma collegati tra loro, in quanto l’esito naturale del completamento del percorso formativo rimane l’assunzione in ruolo. Fa presente pertanto che per i soggetti che hanno conseguito l’abilitazione all’insegnamento in data successiva al predetto termine, l’immissione in ruolo si consegue attraverso il superamento di uno specifico concorso pubblico.

Ciò posto, assicura comunque l’impegno del Ministro, già assunto in precedenti occasioni, a valutare, nel quadro di un più generale riordino del sistema di abilitazione e reclutamento, le soluzioni percorribili per tutelare le aspettative degli aspiranti docenti che hanno ottenuto l’abilitazione attraverso i percorsi formativi in esame.

La senatrice SERRA (M5S) si dichiara parzialmente soddisfatta, dato che si ripropongono continui rinvii senza dare una soluzione definitiva al problema di tali aspiranti docenti. Invoca pertanto maggiore chiarezza, onde offrire una prospettiva certa ai problemi descritti.

La risposta del sottosegretario Galletti riprende quella già fornita la scora settimana dal sottosegretario Rossi Doria sulla problematica dei laureati in Scienze della formazione primaria
Graduatorie ad esaurimento out per laureati in Scienze della formazione primaria non inclusi con riserva

Versione stampabile
anief
soloformazione