Graduatorie ad esaurimento: Miur spiega perché non le riapre. Piano straordinario assunzioni e concorso per abilitati modalità reclutamento

WhatsApp
Telegram

In risposta a specifica richiesta del sindacato SAESE il Miur ripercorre l'excursus normativo che rende "blindate" a nuovi inserimenti le graduatorie ad esaurimento.

In risposta a specifica richiesta del sindacato SAESE il Miur ripercorre l'excursus normativo che rende "blindate" a nuovi inserimenti le graduatorie ad esaurimento.

Il piano straordinario di assunzioni della legge 107 – scrive il Miur – risponde alle finalità di porre fine al fenomeno del precariato prevedendo, quale modalità di reclutamento, il concorso aperto ai docenti in possesso di abilitazione all'insegnamento.

L'assunzione a tempo indeterminato del personale docente ed educativo avviene per il 50% mediante concorsi per titoli ed esami e per il 50% dalle graduatorie per soli titoli (prima permanenti, adesso ad esaurimento), come disposto dall'art. 399 del Decreto Legislativo n. 297/1994.

L'art. 1 comma 6 della legge 124/99 ha istituito le graduatorie permanenti, periodicamente integrate con l'inserimento dei docenti che avessero superato le prove dei concorsi (non svolti per i successivi 13 anni) o di esami ai soli fini abilitanti, per la medesima classe di concorso o posti, e dei docenti che chiedevano il trasferimento da altra provincia.

E' poi intervenuto l'art. 1 comma 605 della legge 296/2006, che ha trasformato tali graduatorie in "ad esaurimento", dalle quali è escluso ogni successivo eventuale inserimento. La legge ha fatto salvi gli inserimenti dei docenti che frequentavano, alla data di entrata in vigore della legge, determinati percorsi abilitanti (es. IX ciclo SSIS).

Successivamente è stata creata la IV fascia delle graduatorie ad esaurimento, aggiuntiva alla III. Una misura definita dal Miur "eccezionale", in coerenza con l'introduzione del nuovo sistema di formazione iniziale degli insegnanti, previsto dal dm 249/2010.

Dal quadro normativo, specifica il Miur, deriva che i requisiti di accesso alle graduatorie derivano da disposizioni fissate da norme di rango primario e che la richiesta di inserimento nelle graduatorie ad esaurimento non è assisitita allo stato attuale da riconoscimento normativo che deroghi alla legge 296/2006.

Il Miur rileva altresì che il piano straordinario di assunzioni disposto dalla legge 107/2015 ha come finalità quella di porre fine al fenomeno del precariato prevedendo, quale modalità di reclutamento, il concorso per titoli ed esami a cui potranno partecipare tutti i docenti in possesso di abilitazione all'insegnamento.

La risposta del Miur

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur