Graduatorie ad esaurimento e di istituto, entrambe si aggiornano nel 2020/21. “Così si evitano contenziosi”

Stampa

Graduatorie ad esaurimento e graduatorie di istituto, aggiornamento nel 2020/21 per il triennio 2021/22, 2022/23, 2023/24.

Decreto

Il decreto sulla conclusione dell’a.s. 2019/20 e sull’avvio del 2020/21, approvato in CdM il 6 aprile 2020, prevede tra le altre cose:

  • il posticipo dell’aggiornamento delle graduatorie di istituto e della costituzione delle delle graduatorie provinciali al 2020/21, quindi non più nel corso del corrente anno scolastico, con conseguente proroga delle graduatorie vigenti (Leggi qui per approfondire e saperne di più sulle graduatorie provinciali e sull’apertura della III fascia)
  • l’anticipo dell’aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento al 2020/21, invece che nel 2021/22 (Leggi qui per approfondire);
  • l’inserimento negli elenchi aggiuntivi di sostegno delle graduatorie di istituto entro il 31 agosto 2020, da parte dei docenti che si specializzeranno entro tale data (docenti TFA sostegno IV ciclo).

I suddetti provvedimenti poteranno al riallineamento dell’aggiornamento delle due graduatorie. 

Perché lo slittamento dell’aggiornamento delle graduatorie di istituto

Il rinvio dell’aggiornamento delle graduatorie di istituto e dell’istituzione delle graduatorie provinciali è motivato, nella relazione tecnica al decreto, con l’attuale situazione epidemiologica che non permetterebbe di adottare  nei tempi previsti il regolamento istitutivo delle graduatorie provinciali, rendendo di fatto impossibile la costituzione delle stesse.

La Ministra, inoltre, ha affermato che il suddetto provvedimento è stato preso in quanto le procedure sono vetuste e non informatizzate.

Le nuove graduatorie dunque saranno costituite nel 2020/21 per il triennio 2021/22, 2022/23, 2023/204.

Perché l’anticipo dell’aggiornamento delle GaE

L’anticipo dell’aggiornamento delle GaE al 2020/21, leggiamo nella relazone tecnica, consentirà il parallelismo tra graduatorie ad esaurimento e graduatorie d’istituto.

Il riallineamento delle procedure è dovuto al fatto che nella I fascia delle graduatorie di Istituto sono inseriti  i docenti presenti nelle graduatorie ad esaurimento, con una trasposizione del punteggio posseduto nelle medesime GaE.

Pertanto, l’aggiornamento delle graduatorie di Istituto senza quello delle GaE, genera contenzioso da parte di aspiranti che, non potendo ottenere il miglioramento di posizione per il mancato aggiornamento delle GAE, lamentano la pretermissione dai contratti di supplenza derivanti da graduatorie di istituto. 

In sostanza, se non si aggiornano le GaE non si può aggiornare la prima fascia delle graduatorie di istituto e non è possibile migliorare il punteggio. Inoltre si creano problemi per chi è inserito pure in III fascia, per insegnamenti diversi da quelli delle GaE, e non può cambiare provincia in quanto l’inserimento nelle fasce delle graduatorie di istituto deve avvenire sempre in una stessa provincia.

Stampa

Come fare educazione civica Digitale: dagli ambienti digitali alle fake news, dal Sexting alla netiquette. Corso con iscrizione e fruizione gratuite