Graduatorie ad esaurimento: corte di Appello di Brescia respinge valutazione servizio militare non in costanza di nomina

Di Lalla
WhatsApp
Telegram

Lalla – La vicenda riguarda le graduatorie ad esaurimento della provincia di Mantova. Un docente ottiene con sentenza del Tribunale di Mantova sez. lavoro, il riconoscimento, nelle graduatorie ad esaurimento 2011/14, di punteggio per il servizio militare prestato non in costanza di rapporto di lavoro. La Corte di Appello di Brescia ha ribaltato la sentenza.

Lalla – La vicenda riguarda le graduatorie ad esaurimento della provincia di Mantova. Un docente ottiene con sentenza del Tribunale di Mantova sez. lavoro, il riconoscimento, nelle graduatorie ad esaurimento 2011/14, di punteggio per il servizio militare prestato non in costanza di rapporto di lavoro. La Corte di Appello di Brescia ha ribaltato la sentenza.

Il docente, grazie all’esecuzione della sentenza, otteneva la prima posizione nella graduatoria ad esaurimento della propria classe di concorso e in virtù di questa ha ottenuto un incarico di supplenza per l’a.s. 2013/14.

Il Miur ha proposto appello avverso la sentenza e la Corte di Appello ha disposto di riformare integralmente la sentenza.

Le graduatorie ad esaurimento vengono pertanto riformulate; per l’a.s. 2013/14 il docente rimane in servizio nella scuola in cui ha ottenuto la nomina, per assicurare la continuità didattica. La normativa vigente vieta lo spostamento di personale docente dopo il ventesimo giorno dall’inizio dell’attività didattica, fissata in regione Lombardia al 12 settembre 2013.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur