Graduatorie ad esaurimento: contenzioso su punteggio corso di perfezionamento infanzia e primaria. Competente il Giudice del Lavoro

Di Lalla
Stampa

Definito inammissibile il ricorso presentato da alcuni docenti di scuola di infanzia e primaria della provincia di Latina avverso la nota del 30 luglio 2014 dell'Ufficio Scolastico sulla valutazione dei corsi di perfezionamento per la scuola di infanzia e primaria.

Definito inammissibile il ricorso presentato da alcuni docenti di scuola di infanzia e primaria della provincia di Latina avverso la nota del 30 luglio 2014 dell'Ufficio Scolastico sulla valutazione dei corsi di perfezionamento per la scuola di infanzia e primaria.

Ripercorriamo le tappe. Alcuni Uffici Scolastici, tra cui quello di  Latina,  hanno valutato nelle Graduatorie ad esaurimento 2014/17 1 punto i corsi di perfezionamento/master da 1500 ore e 60 CFU svolti da docenti diplomati (in particolare infanzia, primaria e personale educativo), contrariamente a quanto avvenuto nel triennio precedente, con la motivazione che i Giudici e il Consiglio di Stato hanno respinto ricorsi presentati da docenti che richiedevano la valutazione, nelle Graduatorie ad esaurimento, di master universitari o corsi post universitari frequentati senza il requisito della laurea. Graduatorie ad esaurimento. Per infanzia e primaria Latina dà 1 punto ai corsi 1500 ore 60 CFU

Inevitabile il ricorso degli interessati, che si è concluso con Sentenza 8 gennaio 2015 n. 12 del Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio – Latina – Sezione Prima:

"le controversie in materia di formazione dei vari tipi di graduatorie scolastiche, ivi comprese quelle a esaurimento oggetto del ricorso, non attengono a procedure di tipo concorsuale venendo, pertanto, in rilievo comuni controversie in materia di procedure di avviamento al lavoro che rientrano conseguentemente nella giurisdizione del giudice ordinario.

Poiché la domanda non attiene alla cognizione del giudice amministrativo, ma a quella del giudice ordinario, deve essere dichiarato il difetto di giurisdizione del giudice amministrativo, in favore del giudice ordinario"

Segui su Facebook le news della scuola e partecipa alle conversazioni. Siamo in 171mila

In realtà, su questo aspetto non siamo informati, è anche possibile che gli interessati abbiano anche risolto positivamente la controversia senza dover attendere la pronuncia del tribunale, in quanto sull'argomento era intervenuto il Miur nella nota del 27 agosto 2014: "Per il personale in possesso di diploma possono essere valutati Diplomi di perfezionamento di durata annuale (1500 ore, 60 CFU) con esame finale, coerenti con gli insegnamenti ai quali si riferisce la graduatoria."

Nel caso in cui l'Amministrazione non avesse dato seguito alla nota del Miur ai ricorrenti non rimarrà che rivolgersi al Giudice del lavoro.

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 31 dicembre 2021. Il 9 novembre ne parliamo in diretta. Registrati al webinar