Graduatorie ad esaurimento, come calcolare il servizio svolto. Tabelle valutazione

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Miur a breve pubblicherà il decreto per l’aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento per il triennio 2019/20, 2020/21, 2021/22.

Ricordiamo come avviene il calcolo del servizio per i docenti che dovranno aggiornarlo e le tabelle cui fare riferimento.

Graduatorie ad esaurimento: tabelle valutazione

La valutazione dei titoli, per il personale iscritto nella I e nella II fascia delle graduatorie ad esaurimento,viene effettuata sulla base della tabella approvata con DM n. 11/2002, modificata ai sensi dell’articolo 1, comma 3, del decreto-legge n. 97/2004, convertito con modificazioni in legge 4 giugno 2004, n. 143.

La valutazione dei titoli, per il personale iscritto nella I e nella II fascia delle graduatorie ad esaurimento, viene effettuata sulla base della tabella di cui al DM n. 27/2007 del 15 marzo 2007, integrata dal DM n. 78/2007.

Limitatamente alla scuola dell’infanzia e primaria, per cui è prevista la valutazione del servizio svolto nelle sezioni primavera, si deve fare riferimento DM n. 335/2018.

Graduatorie ad esaurimento: calcolo servizio

Ai sensi delle summenzionate tabelle, il servizio è valutato nella maniera seguente:

per ogni mese o frazione di almeno 16 giorni P. 2
fino ad un massimo, per ciascun anno scolastico, di P. 12

Si possono sommare tutti i giorni di servizio prestati nell’arco di un anno scolastico, fino a raggiungere il punteggio massimo di 12 punti:

  • da 16 a 45 gg. uguale p. 2;
  • da 46 a 75 gg. uguale p. 4;
  • da 76 a 105 gg. uguale p. 6;
  • da 106 a 135 gg. uguale p. 8;
  • da 136 a 165 gg. uguale p. 10;
  • da 166 gg. in poi uguale p. 12.

Forniremo ulteriori indicazioni quando sarà pubblicato il decreto.

Graduatorie ad esaurimento: domande da fine aprile. Sì cambio provincia e reinserimento depennati. Novità della bozza

Versione stampabile
anief banner
soloformazione