Graduatorie ad esaurimento: chi è dentro è dentro, chi è fuori è fuori?

Di Lalla
WhatsApp
Telegram

inviato da Gruppo Precari Scuola Elementare Cobas Bologna – Nel 2006, con la Legge 27/12/2006, le Graduatorie Permanenti venivano trasformate in Graduatorie ad Esaurimento (GAE): i docenti precari della scuola dell’infanzia e della scuola primaria che vi rientravano mantenevano la speranza (sia pur in tempi lunghissimi) di stabilizzarsi ed entrare in ruolo, chi vi rimaneva fuori era del tutto estromesso da questa prospettiva.

inviato da Gruppo Precari Scuola Elementare Cobas Bologna – Nel 2006, con la Legge 27/12/2006, le Graduatorie Permanenti venivano trasformate in Graduatorie ad Esaurimento (GAE): i docenti precari della scuola dell’infanzia e della scuola primaria che vi rientravano mantenevano la speranza (sia pur in tempi lunghissimi) di stabilizzarsi ed entrare in ruolo, chi vi rimaneva fuori era del tutto estromesso da questa prospettiva.

Il diploma magistrale non venne ritenuto titolo abilitante all’insegnamento e migliaia di insegnanti precari, che pure con quel titolo avevano insegnato per tanti anni nelle nostre scuole, rimasero tagliati fuori e inseriti nella III fascia delle graduatorie (graduatorie d’istituto per le supplenze brevi riservate ai non abilitati) istituite fuori dalle GAE.

Nelle ultime settimane una pronuncia della Commissione Europea prima, ed un parere vincolante del Consiglio di Stato poi, riconoscono il diploma di maturità magistrale titolo abilitante e per diritto assimilato al successivo diploma di laurea.

Dopo quasi un decennio di precariato e sacrifici si “scopre” che quel titolo è a tutti gli effetti abilitante! Semplicemente scandaloso!

Chi e come verranno risarciti del danno subito queste migliaia di lavoratori? E’ quello che chiediamo con forza al Governo ed in particolare al MIUR.

La situazione è ancor più paradossale se si pensa che a breve partiranno i PAS (percorsi abilitanti speciali) che il ministero aveva predisposto per abilitare gli insegnanti che non lo erano: corsi da tenersi presso le università con costi medi tra il 2500 ed i 3000 euro!

A fronte del parere vincolante del Consiglio di Stato è doveroso che al più presto il MIUR ritiri quella che, dopo il danno, risulterebbe una terribile beffa: abilitare chi è già abilitato!

Ma la sospensione ed il ritiro dei PAS non è sufficiente.

Secondo il Consiglio di Stato tutti i possessori del diploma magistrale ottenuto prima dell’anno scolastico 2001/2002, dovranno passare dalla terza alla seconda fascia delle graduatorie, ma, a questo punto, la terza fascia non esisterà più perché tutti quelli che vi rientravano verranno inseriti nella seconda e dal punto di vista lavorativo per questi docenti la situazione rimarrà sostanzialmente identica a prima.

Il non inserimento nelle GAE dei diplomati magistrali ha recato loro un gravissimo danno, economico e morale, al quale occorre porre assolutamente rimedio: o si legifera per la riapertura delle Graduatorie a Esaurimento o almeno ci si adoperi perché da subito questi lavoratori non siano ulteriormente penalizzati predisponendo per loro un serio piano di stabilizzazione.

E a proposito di serietà, tutta questa vicenda dimostra in maniera lampante come chi al MIUR blaterava e si vantava di voler professionalizzare i docenti abbia dimostrato e tuttora dimostri di non avere la benché minima professionalità!

I posti ci sono e per tutti!

La precarietà di massa mortifica gli insegnanti e priva della giusta continuità didattica il bambini e le famiglie. E’ tempo di invertire la rotta!

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VIII ciclo 2023: requisiti di accesso e corso di preparazione, con simulatore per la preselettiva. 100 euro, offerta in scadenza